Nell'Eurozona la crescita si dimezza e l'inflazione raddoppia

Bloomberg anticipa le previsioni che saranno pubblicate dalla Commissione europea lunedì: crescita al 2,7% invece che al 4%, inflazione al 6,1% dal 3,5%. "L'invasione russa e le sanzioni hanno oscurato le prospettive per l'economia globale facendo salire i prezzi dell'energia mettendo a dura prova le catene di approvvigionamento"

Carrello della spesa

AGI - L'Ue taglia le previsioni del Pil per l'eurozona nel 2022 al 2,7% e al 2,3% nel 2023 (le previsioni di febbraio indicavano rispettivamente il 4 e il 2,7%), mentre quasi raddoppia le previsioni dell'inflazione che per quest'anno dovrebbe attestarsi al 6,1% (invece del 3,5% stimato in precedenza). È quanto scrive Bloomberg che anticipa le previsioni economiche di primavera che saranno pubblicate dalla Commissione lunedì. 

"L'invasione russa dell'Ucraina e le sanzioni imposte in risposta hanno oscurato le prospettive per l'economia globale facendo salire i prezzi dell'energia e mettendo a dura prova le catene di approvvigionamento che stavano già vacillando a causa della pandemia. L'area dell'euro è tra le regioni più colpite a causa della sua dipendenza dall'energia russa e della vicinanza al conflitto", scrive Bloomberg.

Vai all'articolo