Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie: COOKIE POLICY.

Giorgetti: "Stiamo consegnando il futuro dell'auto a un soggetto che sta fuori dall'Europa" 

Mercoledì, in un vertice straordinario a Palazzo Chigi, il responsabile del Mise ne discuterà con i ministri Giovannini e Franco. Federmeccanica e sindacati, in una lettera, avevano paventano il rischio di deindustrializzazione di un comparto chiave dell'economia italiana

© Alessandro Serranò / AGF
Giancarlo Giorgetti

AGI - Vertice sulle prospettive del settore auto a palazzo Chigi mercoledì 9 febbraio. La notizia dell'appuntamento arriva mentre il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti afferma ad un evento della Camera di Commercio italo-germanica che è necessario ascoltare gli input che ci vengono dall'industria, onde evitare il rischio di conseguenze sociali e occupazionali "indesiderate e potenzialmente gravi"

"La trasformazione dell'industria non può dunque che passare dall'industria stessa", aggiunge. Alla riunione, convocata in mattinata, secondo quanto si apprende, non parteciperà il premier Mario Draghi impegnato fuori Roma e nemmeno i sindacati. Dovrebbero esserci il ministro delle Infrastrutture e mobilità sostenibili Enrico Giovannini e quello dell'Economia, Daniele Franco.

Oggi Giorgetti ha ricordato che Italia e Germania sono stati gli unici Paesi a non firmare a favore del destino dell'auto elettrica. "Dobbiamo considerare chi controlla le materie prime - dichiara - ed evidentemente questo soggetto non si trova in Europa. Quindi, facciamo attenzione perché stiamo consegnando il futuro del settore dell'auto a un soggetto che sta fuori dall'Europa e mi fermo qui perché credo che tutti abbiamo capito di chi sto parlando".

Il ministro sottolinea l'opportunità di riequilibrare alcuni interventi nell'economia, ora particolarmente incentivanti nei confronti del settore edilizio, "mentre alcuni settori sono stati presi meno in considerazione come quello dell'automotive".

Gli ambiziosi obiettivi 'green' - sostiene - devono essere letti anche "con pragmatismo: standard ambientali elevati devono andare di pari passo con la sostenibilità economica, così da evitare effetti distorsivi e minimizzare l'introduzione di vantaggi competitivi nel mercato interno a beneficio di Paesi terzi e a scapito dei Paesi europei".

L'incontro di mercoledi' e le parole di Giorgetti sono una risposta alle pressanti richieste di Federmeccanica e dei sindacati di un incontro urgente. In una lettera inviata al Governo, la federazione e le organizzazioni sindacali paventano il rischio concreto di deindustrializzazione di un comparto chiave dell'economia italiana e chiedono di "mettere in campo tutte le azioni difensive necessarie e guardare soprattutto all'opportunita' di rilancio e sviluppo del settore".

I numeri della crisi

La produzione nazionale di autoveicoli - viene fatto notare - è passata dagli oltre 1,8 milioni di veicoli del 1997 ai 700.000 nel 2021, di cui meno di 500.000 autovetture. l'industria automotive vale in Italia un fatturato di 93 miliardi di euro, pari al 5,6% del Pil e nel solo comparto della fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi operano oltre 2 mila imprese e 180 mila lavoratori e si realizza il 7% delle esportazioni metalmeccaniche nazionali per un valore di 31 miliardi di euro.

Ma lo stop alla vendita di nuove auto che producono emissioni di carbonio nel 2025, se non accompagnata da interventi, potrebbe portare - avvertono Federmeccanica e Fim, Fiom e Uilm - ad una perdita di circa 73.000 posti di lavoro, di cui 63.000 nel periodo 2025-2030 (stime Anfia-Clepa-PWC).

Già oggi i dati sull'andamento dell'utilizzo degli ammortizzatori sociali forniti dall'Inps indicano la tendenza: nel 2019 sono state utilizzate 26 milioni di ore di cassa integrazione, nel 2021 quasi 60.

Sindacati e imprese propongono di valutare interventi di regolamentazione del settore automotive nel quadro delle transizioni e della relazione con gli attori istituzionali; gli impatti specifici per il territorio italiano; le risorse e la governance per le politiche industriali; gli ammortizzatori sociali per accompagnare le transizioni in atto, di breve e di lungo periodo e infine i fabbisogni e le disponibilità di competenze tra education e formazione di accompagnamento alla trasformazione. 

Cos'è la Motor Valley

L'Europa va avanti con il piano di azzeramento delle emissioni dei nuovi veicoli a partire dal 2035 e il ministro alla Transizione ecologica, Roberto Cingolani, vorrebbe negoziare con la Commissione europea un'esenzione per le auto di lusso, cuore pulsante della Motor Valley italiana. Nella Terra dei Motori alcuni dei marchi automobilistici e motociclistici piu' importanti del mondo sono nati e continuano a costruire il mito della velocita'.

La Motor Valley è un distretto industriale unico al mondo forte di 16.500 aziende e oltre 90.000 addetti, con 16 miliardi di fatturato annuo e un export di 7 miliardi. Qui hanno radici e sede marchi noti in tutto il mondo: Automobili Lamborghini, Dallara, Ducati, Ferrari, Haas, Magneti Marelli, Maserati, Pagani e Toro Rosso. Riunisce 4 autodromi internazionali (Modena, Varano, Imola e Misano), 6 centri di formazione specializzati, 6 case costruttrici, 13 Musei, 18 collezioni, 10 operatori del settore e 188 team sportivi

Le principali case costruttrici

Dallara: viene fondata dall'attuale Presidente, Giampaolo Dallara. Dopo aver lavorato in Ferrari, Maserati, Lamborghini e De Tomaso, vuole continuare a coltivare il suo sogno di lavorare nel mondo delle vetture da competizione, nel suo paese natale di Varano de' Melegari (Parma), dando vita nel 1972 alla "Dallara automobili da competizione".

Ducati: fondata nel 1926, con sede nel quartiere bolognese di Borgo Panigale, dal 1946 Ducati produce moto sportive dotate di motori a distribuzione desmodromica, design innovativo e tecnologia all'avanguardia. Una storia di oltre 90 anni che racconta la passione per la velocità.

Ferrari: il marchio è stato certificato come il più forte al mondo. L'azienda di Maranello ha visto uscire la prima autovettura dai suoi stabilimenti nel 1947 e sicuramente deve la sua gloria a Enzo Ferrari che con la sua Scuderia raccoglie fin da subito strabilianti successi nelle competizioni contribuendo a creare il "mito Ferrari" in tutto il mondo.

Lamborghini: dal 1963 Automobili Lamborghini produce auto supersportive di lusso, tecnologia innovativa e linee futuristiche che contribuiscono a un concetto di design Made in Italy. Un'eccellenza della Motor Valley con sede a Sant'Agata Bolognese. 

 

Vai all'articolo