"Legge sul biotestamento entro Pasqua". Appello di Fico agli altri partiti

Fra i tanti temi affrontati dal presidente della Vigilanza Rai al webforum Agi anche la leadership interna e le elezioni 2018.

"Legge sul biotestamento entro Pasqua".  Appello di Fico agli altri partiti
Roberto Fico 

La Camera voti entro la settimana la legge sul testamento biologico, "non rinvii la discussione a dopo Pasqua e non faccia melina". Questo l'appello lanciato dal presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Roberto Fico, a 'Viva l'Italia', il web forum di Agi. "Vorrebbero far slittare tutto a maggio, a dopo Pasqua", ha dichiarato il deputato del Movimento Cinque Stelle, "noi vogliamo concluderlo in qualsiasi modo in questi giorni. Potremmo chiuderlo entro venerdì per poi passare il testo al Senato".

 

 

"Pensiamo di arrivare al 40%"

"Pensiamo di arrivare al 40%" alle elezioni politiche, ha sottolineato il capogruppo pentastellato alla Camera, "abbiamo il nostro percorso: eravamo a zero, siamo al 30%...Non mi sto preparando a fare il ministro, sto cercando di lavorare nel modo migliore in Parlamento e nel Movimento per portare avanti quel che ci siamo detti con gli elettori, senza contratti falsi". Poi rassicura sulle condizioni di salute del collega di partito Luigi Di Maio: "E’ in ripresa. La politica sicuramente logora, c'è uno stress molto forte".

 

 

"Un dialogo con noi? Per gli altri significa inciuci"

Se il Movimento dovesse ottenere l'incarico di formare un governo “non passeremmo dal blog a palazzo Chigi, ma dal lavoro parlamentare e sul territorio di 10 anni al governo. Non accetto più la critica di chi ci dice che siamo incompetenti e inesperti". "La passione", ha sottolineato, "può farti diventare competente".

 

 

“Noi siamo su un'altra frequenza, noi non ci accontentiamo di accordi al ribasso. Siamo per 'accontentarci' a un livello altissimo, non per il Movimento, ma per il Paese". Fico lancia poi un avvertimento a chi vuole aprire un dialogo con il Movimento 5 stelle come, di recente, gli scissionisti bersaniani: “Iniziamo prima di tutto a capire cosa è per gli altri il dialogo, perchè per loro è mettersi d'accordo”, un modo “per fare inciuci di palazzo. Il M5S è destinato a crescere perché sta intravedendo il futuro: Siamo un popolo eterogeneo e questo è un valore del Movimento dove sta insieme chi votava destra e chi votava sinistra, rivedendo gli errori di alcuni partiti per andare verso il futuro".

Sulle toghe in politica “stiamo decidendo”

Il Movimento 5 stelle "sta decidendo" la sua linea sulla legge sulle toghe in politica in discussione alle Camere, aggiunge Fico, "stiamo decidendo ancora cosa votare nel merito".

 

 

Le critiche al governo Gentiloni

Dell'azione del governo Gentiloni "non c'è da salvare niente. E' la continuazione del governo Renzi" e i ministri "sono attori che continuano una politica del Pd che a noi non piace". Una bocciatura piena, quella di Fico, per un governo che "fa perdere tempo al Paese".

Napoli: il sindaco De Magistris e il calcio

"C'è un gap troppo grande tra la quantità di parole che pronuncia il sindaco rispetto alle cose che fa", è la riflessione sul sindaco di Napoli Luigi De Magistris.  "Ci sono molti lati dell'Amministrazione che, dopo 6 anni, sono ancora nodi completamente irrisolti. Napoli cerca sempre di andare avanti. Non condivido lo spirito trionfalistico di De Magistris". Napoletano anche lui, il presidente della Commissione di Vigilanza Rai durante il recente match con la Juventus non ha fischiato l'ex  Gonzalo Higuain: "Sono d'accordo con l'indifferenza...". Promosso l'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri: "ci ha fatto di nuovo affezionare al calcio, non solo noi tifosi del Napoli ma, credo, tutti gli italiani, un po' come avvenne quando Arrigo Sacchi arrivò al Milan".