L'idea di un tavolo contro le bufale, Laura Boldrini a Viva l'Italia 

La Presidente della Camera, intervenuta al format video di Agi, ha parlato del progetto Bastabufale.it, la raccolta firme che in 24 ore ha già toccato le 8mila adesioni

L'idea di un tavolo contro le bufale,   Laura Boldrini a Viva l'Italia 
 Laura Boldrini a Viva l'Italia

Lotta alle Fake news attraverso la formazione nei confronti dei giovani, l'impegno richiesto alle imprese e a Facebook per arginare il fenomeno dell'odio in rete e il ruolo dei politici e delle testate giornalistiche nella battaglia alle bufale. Di questo ma anche di migranti e dell'accordo Italia-Libia si è discusso oggi nella redazione di Agi durante il format video Viva l'Italia con la Presidente della Camera, Laura Boldrini

#Bastabufale.it, 8mila firme contro le fake news

In 24 ore sono state 8mila le persone che hanno firmato l'appello di Bastabufale.it, un progetto fortemente voluto dalla Presidente della Camera, Laura Boldrini, per fermare le fake news. Questo risultato "è tantissima roba", ha detto Boldrini intervenendo a Viva l'Italia; e dimostra che "il tema è sentito e spero che in tanti partecipino".
La raccolta firme "durerà fino a fine marzo" seguita da "un tavolo aperto a tutti in diretta streaming" e poi "vediamo come si impegnaranno le imprese; non possono fare pubblicità su siti bufalari e fare finta di niente". 
"Il problema - ha spiegato Boldrini - si affronta soprattutto attraverso la formazione. I ragazzi sono bravi a smanettare con i digital devices ma 
non hanno abbastanza senso critico e tutto ciò che vedono in rete prendono tutto per buono". A fare da testimonia alla campagna Bastabufale.it, lanciata ieri dalla presidente della Camera ci sono Verdone, Fiorello, Totti, Amendola, Ozpetek."So che Totti sta preparando un video ma non posso dire altro altrimenti si arrabbia", ha scherzato Boldrini.

Anche Facebook si impegni a contrasto dell'odio 

"In Italia ci sono 28 milioni di utenti Facebook, perché non si apre un ufficio operativo? Serve un investimento serio" contro l'odio in rete. Inoltre Boldrini propone a Facebook di pensare a un'icona 'attenzione odio', un numero verde a cui le persone possono rivolgersi e l'apertura di un ufficio operativo in Italia. Fino ad ora le risposte ricevute dal colosso statunitense sono state "cordiali ma generiche. Mi aspetto che i vertici mi rispondano e mi dicano cosa pensano di queste proposte concrete". 

Frasi a effetto dei politici sono solo infotainment 

"Oggi non importa se ciò che si dice sia vero o no, è più importante l'infotainment (l'informazione-spettacolo ndr). Se colpisci con frasi a effetto piaci di più come politico. Alle persone non interessa se un politico dice il vero o il falso, si cercano altri che la pensino nello stesso modo. E' un dialogo tra sordi cercare bufale che confermino le proprie idee e i propri preconcetti". "Non me la prendo" con i cittadini che hanno paura dell'alto flusso di migranti "ma con chi alimenta a tavolino la paura e che su quella paura ha costruito carriere politiche".
Anche le testate giornalistiche hanno il proprio ruolo, ha spiegato la Presidente: "Se non si fa il fact checking" contribuendo a diffondere notizie false e non verificate, ci si rende "complici". Per Boldrini è quindi necessario "introdurre la figura di un referente per il il pubblico che segnali hate speech e le notizie false".
L'Authority sulla verità su Internet, ha affermato ancora la Presidente, "non mi convince e neanche il tribunale del popolo che qualcuno suggerisce. La strada maestra è aiutare i ragazzi dando loro strumenti per comprendere e fare in modo che la nostra società sia più consapevole".

Lavori socialmente utili per i migranti? Perché no

"Restare inattivi per mesi non piace a nessuno" e "motivarli a fare qualcosa di utile per i richiedenti asilo è anche un modo per restituire l'ospitalità che gli viene data", sono loro che "chiedono di essere occupati", ha sottolineato Boldrini facendo l'esempio dei migranti che hanno dato una mano a Rigopiano.   

L'accordo tra Italia e Libia non mi piace

"Ho molti dubbi" sull' accordo siglato tra Italia e Libia sulla gestione dei flussi migratori "non mi piace", ha detto la presidente della Camera. Secondo la quale l'accordo "presenta molti dubbi di fattibilità e linearità".
"La migrazione non si gestisce cercando di bloccarla, ma si gestisce dalla testa e non dalla coda. Penso che in Libia non ci siano oggi le condizioni per avere garanzie in merito alla gestione dei flussi migratori", ha osservato Boldrini. "Bisogna capire come rimuovere le cause che sono alla base della fuga" di tante persone "e come gestire all'interno di una casa comune cioè l'Unione europea".