Savoia, Emanuele Filiberto al Pantheon: "La storia delle spoglie del re non è conclusa"



21 gennaio 2018,12:14


"La storia delle spoglie dei reali al Pantheon non è affatto conclusa. Ritengo, e non sono l'unico a crederlo, che quella sia la sede più giusta per l'ultima sepoltura dei re e delle regine d'Italia", queste le parole del principe Emanuele Filiberto di Savoia poco prima di entrare al Pantheon per la messa in suffragio dei sovrani d'Italia in onore del 140º anniversario della sua fondazione. Prima Emanuele Filiberto ha partecipato alla deposizione di una corona d'alloro al sacello del Milite ignoto, presso il monumento al re Vittorio Emanuele II. "La sepoltura a Vicoforte è una sepoltura momentanea e io spero veramente che non solo Vittorio Emanuele III possa un giorno avere come ultima sepoltura il Pantheon", ha aggiunto Emanuele Filiberto.



21 gennaio 2018,12:14


"La storia delle spoglie dei reali al Pantheon non è affatto conclusa. Ritengo, e non sono l'unico a crederlo, che quella sia la sede più giusta per l'ultima sepoltura dei re e delle regine d'Italia", queste le parole del principe Emanuele Filiberto di Savoia poco prima di entrare al Pantheon per la messa in suffragio dei sovrani d'Italia in onore del 140º anniversario della sua fondazione. Prima Emanuele Filiberto ha partecipato alla deposizione di una corona d'alloro al sacello del Milite ignoto, presso il monumento al re Vittorio Emanuele II. "La sepoltura a Vicoforte è una sepoltura momentanea e io spero veramente che non solo Vittorio Emanuele III possa un giorno avere come ultima sepoltura il Pantheon", ha aggiunto Emanuele Filiberto.