Perché, secondo Giorgetti, "il Parlamento non conta più nulla"



20 agosto 2018,16:34


"Il Parlamento non conta assolutamente più nulla, perché non e' piu' sentito dai cittadini elettori, che vedono nel parlamento il luogo dell'inconcludenza della politica". Lo ha dichiarato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, al meeting di Rimini. 

"Se continuiamo, come un feticcio, a difendere questo modo della democrazia rappresentativa sbagliamo, non facciamo nemmeno bene alla democrazia. Oggi dobbiamo chiedere se c'è partecipazione? Sì, c'è partecipazione. Non possiamo dire che la gente non partecipa; partecipa fin troppo e risolve la partecipazione politica con un like; è una partecipazione superficiale, ma c'è e si basa su quella che oggi è una valanga informativa", ha proseguito, "c'e' più informazione e pi+ù disinformazione. Mentre una volta c'erano i vecchi libri eravamo costretti a informarci leggendo quei libri, approfondendo e riflettendo, oggi tutto questo diluvio di informazione passa e va, dopo tre o quattro giorni il caso viene espulso e si comincia a parlare di altro. Non vorrei che succedesse anche per Genova, ma già abbiamo qualche segnale in proposito". 



20 agosto 2018,16:34


"Il Parlamento non conta assolutamente più nulla, perché non e' piu' sentito dai cittadini elettori, che vedono nel parlamento il luogo dell'inconcludenza della politica". Lo ha dichiarato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, al meeting di Rimini. 

"Se continuiamo, come un feticcio, a difendere questo modo della democrazia rappresentativa sbagliamo, non facciamo nemmeno bene alla democrazia. Oggi dobbiamo chiedere se c'è partecipazione? Sì, c'è partecipazione. Non possiamo dire che la gente non partecipa; partecipa fin troppo e risolve la partecipazione politica con un like; è una partecipazione superficiale, ma c'è e si basa su quella che oggi è una valanga informativa", ha proseguito, "c'e' più informazione e pi+ù disinformazione. Mentre una volta c'erano i vecchi libri eravamo costretti a informarci leggendo quei libri, approfondendo e riflettendo, oggi tutto questo diluvio di informazione passa e va, dopo tre o quattro giorni il caso viene espulso e si comincia a parlare di altro. Non vorrei che succedesse anche per Genova, ma già abbiamo qualche segnale in proposito".