Attivisti di Greenpeace con un mostro di plastica davanti alla fabbrica Nestlé



16 aprile 2019,16:44

Questa mattina gli attivisti di Greenpeace si sono incatenati davanti all’ingresso della fabbrica di imbottigliamento di Nestlé/San Pellegrino in località Ruspino (Bergamo). Mentre un gruppo si disponeva all’ingresso con bidoni etichettati con il famoso brand di acqua in bottiglia, un altro, appendendosi a due silos della fabbrica, apriva due grandi striscioni: uno con scritto “Nestlé, Basta Plastica Usa e Getta” e l’altro raffigurante il “Plastic Monster”, il mostro simbolico del danno inestimabile che la produzione indiscriminata di plastica produce al Pianeta.



16 aprile 2019,16:44

Questa mattina gli attivisti di Greenpeace si sono incatenati davanti all’ingresso della fabbrica di imbottigliamento di Nestlé/San Pellegrino in località Ruspino (Bergamo). Mentre un gruppo si disponeva all’ingresso con bidoni etichettati con il famoso brand di acqua in bottiglia, un altro, appendendosi a due silos della fabbrica, apriva due grandi striscioni: uno con scritto “Nestlé, Basta Plastica Usa e Getta” e l’altro raffigurante il “Plastic Monster”, il mostro simbolico del danno inestimabile che la produzione indiscriminata di plastica produce al Pianeta.