La Scientifica ridà un volto alla misteriosa  "Signora delle Ninfee"



08 dicembre 2017,11:00

Restaurata ed esposta al pubblico per la prima volta la mummia di Asti, conosciuta con il nome di "Signora delle Ninfee". L'esposizione in anteprima è avvenuta in occasione della presentazione della mostra "Egitto, Dei, Faraoni, uomini", presso lo Spazio Aquileia 123 del Pala Arrex di Jesolo (Venezia). Grazie al supporto e alla collaborazione della Polizia Criminale è stato  possibile realizzare la ricostruzione del volto e con il reparto di radio diagnostica dellospedale di Asti è stata realizzata una TAC sulla mummia che sta già richiamando l'attenzione dei più grandi studiosi ed egittologi.

Il progetto di ricostruzione facciale si è basato su una tecnica di modellazione detta "protocollo Mancherster", utilizzata dalla totalità della Polizia Internazionale per l'identificazione dei cadaveri sconosciuti. La mostra sarà aperta al pubblico dal 26 dicembre 2017 al 15 settembre 2018.



08 dicembre 2017,11:00

Restaurata ed esposta al pubblico per la prima volta la mummia di Asti, conosciuta con il nome di "Signora delle Ninfee". L'esposizione in anteprima è avvenuta in occasione della presentazione della mostra "Egitto, Dei, Faraoni, uomini", presso lo Spazio Aquileia 123 del Pala Arrex di Jesolo (Venezia). Grazie al supporto e alla collaborazione della Polizia Criminale è stato  possibile realizzare la ricostruzione del volto e con il reparto di radio diagnostica dellospedale di Asti è stata realizzata una TAC sulla mummia che sta già richiamando l'attenzione dei più grandi studiosi ed egittologi.

Il progetto di ricostruzione facciale si è basato su una tecnica di modellazione detta "protocollo Mancherster", utilizzata dalla totalità della Polizia Internazionale per l'identificazione dei cadaveri sconosciuti. La mostra sarà aperta al pubblico dal 26 dicembre 2017 al 15 settembre 2018.