I giornalisti di Askanews rischiano di perdere il lavoro. Sit in a Montecitorio



02 febbraio 2018,11:53


Si sono dati appuntamento questa mattina davanti Montecitorio i giornalisti di Askanews per un sit-in dalle 10 alle 11 insieme alla Federazione Nazionale della Stampa e all’Associazione Stampa Romana. Dopo uno sciopero la scorsa settimana e lo stato di agitazione, oggi l’azienda ha finalmente avviato le operazioni di pagamento degli stipendi: un primo risultato della protesta messa in campo dai giornalisti dell’agenzia di stampa con l’hashtag #saveaskanews. Si tratta del riconoscimento di un diritto dei dipendenti e l’attenzione deve restare alta. Ad appena quattro mesi dalla firma di un pesantissimo accordo di Cassa integrazione e prepensionamenti l’azienda, infatti, è tornata a chiedere un incontro nella sede della Federazione italiana editori già per la prossima settimana



02 febbraio 2018,11:53


Si sono dati appuntamento questa mattina davanti Montecitorio i giornalisti di Askanews per un sit-in dalle 10 alle 11 insieme alla Federazione Nazionale della Stampa e all’Associazione Stampa Romana. Dopo uno sciopero la scorsa settimana e lo stato di agitazione, oggi l’azienda ha finalmente avviato le operazioni di pagamento degli stipendi: un primo risultato della protesta messa in campo dai giornalisti dell’agenzia di stampa con l’hashtag #saveaskanews. Si tratta del riconoscimento di un diritto dei dipendenti e l’attenzione deve restare alta. Ad appena quattro mesi dalla firma di un pesantissimo accordo di Cassa integrazione e prepensionamenti l’azienda, infatti, è tornata a chiedere un incontro nella sede della Federazione italiana editori già per la prossima settimana