Gentiloni: "Al via l'assegno di ricollocazione". Partono le prime 30mila lettere

16 marzo 2017, 11:39
Lo strumento, ancora in via sperimentale, prevede una borsa da mille a 5mila euro per usufruire di servizi di assistenza presso un centro per l'impiego
Un buono per accedere a un percorso personalizzato di accompagnamento al lavoro con un tutor dedicato. E' ad Avellino che viene presentato l'assegno di ricollocazione, previsto dal Jobs Act, dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in un incontro con il presidente dell'Anpal, l'Agenzia Nazionale Politiche Attive Del Lavoro, Maurizio Del Conte.  Lo strumento di politica attiva del lavoro del Jobs Act parte per il momento solo in via sperimentale con le prime trentamila lettere (il 10% del totale di quelle che verranno inviate a regime) indirizzate a lavoratori da ricollocare tra i percettori di Naspi da almeno 4 mesi. L'assegno prevede una borsa da 1.000 a 5.000 euro per usufruire di servizi di assistenza presso un centro per l'impiego o una agenzia di lavoro accreditata. Fonte Chigi Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev - Agi