I responsabili del raid nel bar alla Romanina sono stati arrestati



08 maggio 2018,18:00


Due arrestati all'alba dalla polizia, altri due che si consegnano spontaneamente ai carabinieri. Hanno un volto e un nome i responsabili del raid in un bar della Romanina avvenuto la domenica di Pasqua e culminato nell'aggressione al titolare e a una cliente. Nell'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip Clementina Forleo figurano i nomi di Antonio Casamonica, 26 anni, e dei fratelli Vincenzo e Alfredo Di Silvio, rispettivamente 28 e 26 anni; ai domiciliari il 71enne Enrico di Silvio. Devono rispondere di minacce, lesioni personali e danneggiamento con l'aggravante del "metodo mafioso": "Qui noi siamo i padroni, è tutto nostro", ha urlato uno degli aggressori alla signora con disabilità che quel pomeriggio aveva preso le difese del barista romeno scatenando la violenta reazione dei Di Silvio.



08 maggio 2018,18:00


Due arrestati all'alba dalla polizia, altri due che si consegnano spontaneamente ai carabinieri. Hanno un volto e un nome i responsabili del raid in un bar della Romanina avvenuto la domenica di Pasqua e culminato nell'aggressione al titolare e a una cliente. Nell'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip Clementina Forleo figurano i nomi di Antonio Casamonica, 26 anni, e dei fratelli Vincenzo e Alfredo Di Silvio, rispettivamente 28 e 26 anni; ai domiciliari il 71enne Enrico di Silvio. Devono rispondere di minacce, lesioni personali e danneggiamento con l'aggravante del "metodo mafioso": "Qui noi siamo i padroni, è tutto nostro", ha urlato uno degli aggressori alla signora con disabilità che quel pomeriggio aveva preso le difese del barista romeno scatenando la violenta reazione dei Di Silvio.