Arrestata a Genova la rapinatrice degli ascensori



01 marzo 2019,08:53

La Polizia di Stato di Genova ha arrestato una 29enne di origini bosniache per i reati di tentata rapina, lesioni e furto pluriaggravati. Le indagini dei poliziotti della squadra mobile sono partite a seguito di due episodi delittuosi commessi la scorsa estate nel quartiere di Sestri Ponente, ai danni di anziane signore mentre rientravano nelle loro abitazioni. 

Nella prima occasione, l'arrestata unitamente ad una sua connazionale, aveva seguito una signora ultraottantenne fin dentro al condominio di residenza scambiando con lei alcune parole di circostanza e carpendone la fiducia grazie alla presenza di una bambina, portata al seguito di proposito. Una volta giunto l'ascensore, la giovane rapinatrice aveva seguito la vittima all'interno della cabina, approfittando degli spazi ristretti per impossessarsi con destrezza del suo portafogli, facendo poi perdere le proprie tracce. 

Con condotta analoga, meno di un mese dopo, nello stesso quartiere, la malvivente aveva tentato di derubare un'altra anziana di 83 anni, la quale tuttavia si era opposta scatenando la reazione della donna, che l'aveva scaraventata a terra all'apertura dell'ascensore, causandole lesioni giudicate guaribili in 10 gg., per poi darsi a precipitosa fuga.



01 marzo 2019,08:53

La Polizia di Stato di Genova ha arrestato una 29enne di origini bosniache per i reati di tentata rapina, lesioni e furto pluriaggravati. Le indagini dei poliziotti della squadra mobile sono partite a seguito di due episodi delittuosi commessi la scorsa estate nel quartiere di Sestri Ponente, ai danni di anziane signore mentre rientravano nelle loro abitazioni. 

Nella prima occasione, l'arrestata unitamente ad una sua connazionale, aveva seguito una signora ultraottantenne fin dentro al condominio di residenza scambiando con lei alcune parole di circostanza e carpendone la fiducia grazie alla presenza di una bambina, portata al seguito di proposito. Una volta giunto l'ascensore, la giovane rapinatrice aveva seguito la vittima all'interno della cabina, approfittando degli spazi ristretti per impossessarsi con destrezza del suo portafogli, facendo poi perdere le proprie tracce. 

Con condotta analoga, meno di un mese dopo, nello stesso quartiere, la malvivente aveva tentato di derubare un'altra anziana di 83 anni, la quale tuttavia si era opposta scatenando la reazione della donna, che l'aveva scaraventata a terra all'apertura dell'ascensore, causandole lesioni giudicate guaribili in 10 gg., per poi darsi a precipitosa fuga.