Alla Mostra del cinema di Venezia è il giorno di 'Suburra, la serie'. Il trailer

02 settembre 2017, 14:41

A Venezia non è solo il giorno di George Clooney. Il Cinema nel Giardino presenta infatti le prime due puntate della serie italiana di Sky ‘Suburra’, alla presenza del “padrino” della Mostra, Alessandro Borghi, e dello scrittore del libro e della serie, Giancarlo De Cataldo. 'Suburra' è la prima serie originale Netflix italiana e debutterà il 6 ottobre 2017: raggiungerà 100 milioni di abbonati nei 190 Paesi in cui il servizio è attivo, rendendo la produzione originale Netflix disponibile per un pubblico globale. 

Diretta da Michele Placido, Andrea Molaioli e Giuseppe Capotondi, 'Suburra: la serie' è un crime thriller ambientato a Roma, che descrive come la Chiesa, lo Stato e la criminalità organizzata si scontrino, confondendo i limiti della legalità e dell’illecito nella loro feroce ricerca del potere.  Al centro della storia troviamo tre giovani uomini: Numero 8 (Alessandro Borghi), Spadino (Giacomo Ferrara) e Lele (Eduardo Valdarnini), diversi per origine, ambizioni e passioni, che saranno chiamati a fare alleanze per realizzare i loro più profondi desideri. Gli altri personaggi includono Sara Monaschi (Claudia Gerini), Amedeo Cinaglia (Filippo Nigro), Samurai (Francesco Acquaroli) e Manfredi Anacleti (Adamo Dionisi). La serie è prodotta da Cattleya.



02 settembre 2017, 14:41

A Venezia non è solo il giorno di George Clooney. Il Cinema nel Giardino presenta infatti le prime due puntate della serie italiana di Sky ‘Suburra’, alla presenza del “padrino” della Mostra, Alessandro Borghi, e dello scrittore del libro e della serie, Giancarlo De Cataldo. 'Suburra' è la prima serie originale Netflix italiana e debutterà il 6 ottobre 2017: raggiungerà 100 milioni di abbonati nei 190 Paesi in cui il servizio è attivo, rendendo la produzione originale Netflix disponibile per un pubblico globale. 

Diretta da Michele Placido, Andrea Molaioli e Giuseppe Capotondi, 'Suburra: la serie' è un crime thriller ambientato a Roma, che descrive come la Chiesa, lo Stato e la criminalità organizzata si scontrino, confondendo i limiti della legalità e dell’illecito nella loro feroce ricerca del potere.  Al centro della storia troviamo tre giovani uomini: Numero 8 (Alessandro Borghi), Spadino (Giacomo Ferrara) e Lele (Eduardo Valdarnini), diversi per origine, ambizioni e passioni, che saranno chiamati a fare alleanze per realizzare i loro più profondi desideri. Gli altri personaggi includono Sara Monaschi (Claudia Gerini), Amedeo Cinaglia (Filippo Nigro), Samurai (Francesco Acquaroli) e Manfredi Anacleti (Adamo Dionisi). La serie è prodotta da Cattleya.