Vonn infortunata lascia da leader in Coppa del mondo - Foto

Vonn infortunata lascia da leader in Coppa del mondo -   Foto
 Lindsey Vonn incidente frattura ginocchio sinistro (afp)

Roma - Una decisione sofferta ma inevitabile: Lindsey Vonn chiude anzitempo la sua stagione in Coppa del Mondo a causa della microfrattura al ginocchio sinistro rimediata sabato scarso per una caduta durante il SuperG di Soldeu. "Oggi sto prendendo la difficile decisione di chiudere la mia stagione e lasciare da leader la Coppa del Mondo per l'infortunio che ho subito sabato scorso - ha scritto la 31enne fuoriclasse americana sulla sua pagina di Facebook - è una delle decisioni più difficili della mia carriera". La Vonn racconta che, dopo la combinata di domenica, sempre ad Andorra, si è sottoposta ad ulteriori accertamenti a Barcellona che le hanno suggerito di fermarsi per non aggravare l'infortunio. "Non c'è una sola microfrattura, in realtà sono tre, e non sono così stabili da permettermi di continuare a sciare in sicurezza. C'era il rischio che, in caso di ulteriori danni, fossi sottoposta ad un intervento chirurgico che avrebbe messo in dubbio il prosieguo della mia carriera agonistica. Con i Mondiali di St. Moritz il prossimo anno e le Olimpiadi invernali in Corea del Sud l'anno successivo, non potevo correre questo rischio".

Guarda la galleria fotografica

Nonostante il rammarico per aver dovuto abbandonare la Coppa del Mondo da prima della classifica generale, la Vonn si dice "orgogliosa di ciò che sono stata in grado di realizzare quest'anno: 9 vittorie in Coppa, con il record di successi in discesa libera e di podi in SuperG, oltre al maggior numero di Coppe del Mondo vinte, assolute e di specialità, 20, più di qualsiasi sciatore, uomo o donna". "Sono convinta di aver preso la decisione giusta, ma questo non mi rende più facile prendere questa decisione. Grazie a tutti coloro che mi hanno sostenuto e che mi sono stati vicini. Buona fortuna a tutti coloro che gareggiano in Coppa del Mondo - ha concluso la Vonn - Ci rivedremo l'anno prossimo". (AGI)