Tour de France: Nibali difende il trono giallo

(AGI) - Roma, 2 lug. - Ventuno tappe, oltre 3.330 chilometri distrada, salite e discese lungo le Alpi e i Pirenei,cronosquadre e pave': tutto questo e altro e' l'edizione numero102 del Tour de France, che prendera' il via sabatodall'Olanda, e precisamente da Utrecht, per terminare sui CampiElisi di Parigi il 26 luglio. Ai nastri di partenza 22 team,per un totale di 198 ciclisti, in lotta per l'ambita e miticamaglia gialla, conquistata lo scorso anno dal messineseVincenzo Nibali. Lo scalatore azzurro dell'Astana, recentementelaureatosi per il secondo anno consecutivo campione tricolore,non partira'

(AGI) - Roma, 2 lug. - Ventuno tappe, oltre 3.330 chilometri distrada, salite e discese lungo le Alpi e i Pirenei,cronosquadre e pave': tutto questo e altro e' l'edizione numero102 del Tour de France, che prendera' il via sabatodall'Olanda, e precisamente da Utrecht, per terminare sui CampiElisi di Parigi il 26 luglio. Ai nastri di partenza 22 team,per un totale di 198 ciclisti, in lotta per l'ambita e miticamaglia gialla, conquistata lo scorso anno dal messineseVincenzo Nibali. Lo scalatore azzurro dell'Astana, recentementelaureatosi per il secondo anno consecutivo campione tricolore,non partira' pero' dai Paesi Bassi con i favori del pronostico.Leggermente davanti all'italiano nella griglia di partenza cisono infatti il britannico Chris Froome (Sky), trionfatore aParigi nel 2013, il colombiano Nairo Quintana (Movistar), loscorso anno padrone del Giro d'Italia, e Alberto Contador(Tinkoff-Saxo), fresco vincitore della corsa rosa e nella topsei dei ciclisti piu' completi di tutti i tempi. Lo spagnolo,al pari di Nibali, al fianco di Jacques Anquetil, Eddy Merckx,Felice Gimondi e Bernard Hinault, e' nell'Olimpo dellebiciclette: solo loro nella storia sono riusciti a trionfarealmeno una volta nelle tre le corse a tappe piu' prestigiose,ovvero il Giro, la Vuelta e il Tour. Quanto mai incerto edequilibrato si presenta dunque questa "Grande Boucle",caratterizzata da una sola prova a cronometro e da tanta, tantamontagna. Contro il tempo si correra' solo la nona frazione, lacronosquadreVannes-Plumelec di 28 km. Per il resto ci saranno: sei tappepianeggianti (con probabili sprint per i velocisti), dueleggermente "vallonate", quattro appuntamenti di "mediamontagna", il mitico pave' nella Seraing-Cambrai (quarta prova)e ben sette arrivi in vette molto alte. Questi "accenderanno"la seconda settimana, con tre classiche cime pirenaiche, e lafase finale della manifestazione, con quattro aspri traguardialpini. Dal 14 al 16 luglio bollini rossi nella decima,undicesima e dodicesima tappa: la Tabres-LaPierre Saint Martin,la Pau-Cauterets Vallee de Saint Savin e la Lannemezan-Plateaude Beille. Dal 22 al 25 luglio, poi, il clou: ecco nell'ordinela Digne les Bains-Pra Loup, la Gap-Saint Jean de Maurienne, laSaint Jean de Maurienne-Le Toussuier e la temuta ModaneValfrejus-Alpe d'Huez, dove vera' incoronato verosimilmente ilnuovo Re di Francia.Seguira' infatti soltanto la classicapassarella verso Parigi, con l'arrivo nella Capitale del 26luglio. Salira' nuovamente sul trono Nibali? Il messineserisponde cosi': "Non sono ossessionato dal ripetere il trionfodi Parigi dello scorso anno. Attacchero' senza risparmiare maienergie... forse perche' sono un po' pazzo. Sara' dura, hograndi avversari e ho intenzione di godermi la sfida: sonomolto concentrato e fisicamente sono al cento per cento". Gliavversari sono avvisati: dalle strade francesi arrivera'l'ardua sentenza. Basta aspettare pochi giorni: sabato siparte.(AGI).