Più che di Serena Williams si parla molto della bambola Qai Qai

La campionessa americana è stata elimintata agli Australian Open di tennis, ma l'attenzione dei social è sul bambolotto della figlia di due anni

Più che di Serena Williams si parla molto della bambola Qai Qai
 Afp
Serena Williams

Serena Williams è stata eliminata ai quarti di finale degli Australian Open dopo aver subito la rimonta dalla tennista ceca Pliskova. Questa sarebbe dovuta essere la principale notizia sulla campionessa americana ma in rete, negli ultimi giorni, c’è un’altra storia che sta prendendo piede e che sta mettendo in secondo piano le prestazioni sportive della più piccola delle sorelle Williams. Una storia che ha un nome molto particolare, Qai Qai, e che riguarda il mondo dei social network. Più precisamente Instagram.

Chi è (o cos’è) Qai Qai

Si tratta di una bambola che da qualche tempo segue la tennista in giro per i campi principali del circuito. Attaccata alla sua borsa, seduta su una sedia a bordo campo, impegnata a visitare le città dove si svolgono i tornei, irriverente nei messaggi e nelle battute. In pochi giorni il profilo del bambolotto, verificato con tanto di spunta blu, ha superato i 100 mila follower spopolando tra i fan della Williams. Come si legge nella biografia, Qai Qai, è la figlia e la migliore amica di Olympia Ohanian, primogenita di Serena e di suo marito, Alexis Ohanian, co-fondatore di Reddit e imprenditore affermato. Se vi state chiedendo se anche la figlia, nata nel 2017, possiede un profilo Instagram personale sappiate che la risposta è sì. I follower? Più di 500 mila. Non male per chi è venuto al mondo solo da un anno e mezzo.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

doll’s first major

Un post condiviso da Qai Qai (@realqaiqai) in data:

Qai Qai ha anche un profilo Twitter, stavolta non verificato, che viaggia poco sotto i 20 mila follower con una moltiplicazione dei messaggi prodotti e dei personaggi coinvolti. Un esempio? Zia Venus che, a domanda, non ha saputo trattenere le risate.


Tutto è iniziato con un video

La causa che ha scatenato questa ondata di popolarità è un video, pubblicato da Serena su YouTube,  che mostra la figlia che abbraccia e gioca con Qai Qai. L’atto di felicità segue una scena meno idilliaca: un piccolo incidente con un triciclo spiegato, con una voce fuori campo, dalla stessa Williams.


Non è una casualità nemmeno il colore della “pelle” di Qai Qai. In un’intervista, la tennista ha confidato come volesse che la figlia avesse una bambola nera: “Crescendo io non ho avuto molte opportunità di averne. Rappresenta la sua eredità mista, caucasica (origini del marito, ndr e nera, ma sento che quella doveva essere la sua prima bambola. La seconda bambola sarà caucasica”. Chissà se anche lei avrà un profilo social di successo.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.