A Parigi è nata una stella, la polacca Iga Swiatek vince il Roland Garros

A Parigi è nata una stella, la polacca Iga Swiatek vince il Roland Garros

Dopo Margaret Scriven nel 1933 e Francesca Schiavone nel 2010 è la terza tennista a vincere il torneo senza essere tra le prime 10 teste di serie.

roland garros Parigi polacca Iga Swiatek

© foto Martin Bureau / AFP
- La campionessa di Roland Garros 2020, la polacca Iga Świątek 

AGI - E' la 19enne polacca Iga Świątek la nuova tennista campionessa di Francia. La giovane 'bombardiera' ha battuto in due set per 6-4 6-1 l'americana Sofia Kenin vincendo Roland Garros 2020. In tutto il torneo la Świątek ha perso solo 28 giochi e non ha mai ceduto un solo set. E' la prima volta che il nome di un tennista polacco si iscrive nell'albo d'oro del torneo francese. Iga è figlia di Tomasz Świątek, canottiere che ha partecipato alle Olimpiadi estive del 1988 e ha due coach polacchi, Piotr Sierzputowski e Jolanta Rusin-Krzepota. A livello juniores ha conseguito ottimi risultati sia in doppio - tra cui la finale dell'Open d'Australia in coppia con la connazionale Maja Chwalińska persa nel 2017 e quella di Roland Garros in coppia con la statunitense Caty McNally vinta nel 2018 - che in songolare dove ha raggiunto i quarti di finale al Roland Garros nel 2016 e ha vinto il torneo di Wimbledon 2018.   

La Świątek, che salirà al 17esimo posto della classifica Wta dopo questa vittoria (era n.54 del mondo), è il nome nuovo del tennis femminile. Nell’albo d’oro del singolare femminile prima di lei si trovavano solo due vincitrici non comprese tra le prime dieci teste di serie: Margaret Scriven nel 1933 e Francesca Schiavone nel 2010, che rimane la campionessa con la più bassa classifica nell’era Open alla Porte d’Auteuil. Altro record della neo campionessa di Parigi è quello di non aver perso neanche un set. Altre 13 tenniste erano riuscite nell'impresa e, dagli anni '70 in poi, si chiamavano Evonne Goolagong (1971), Billie Jean King (1972), Chris Evert (1974), Steffi Graf (1988) e Arantxa Sanchez (1994)