Tangenti Fifa: Blatter resiste, Platini "Lo cacceremo"

(AGI) - Roma, 28 mag. - Tutti contro Sepp Blatter, trannePutin. Il presidente della Fifa non lascia, anzi. Intervenendoa Zurigo all'apertura del congresso della Federazione mondialedel calcio che domani - con un voto a scrutinio segreto -dovra' decidere se affidargli un quinto mandato o rimpiazzarlocon il principe giordano Ali bin al Hussein, si chiama fuoridalle responsabilita' affermando che non poteva "vigilaresempre e su tutti", anche perche' "chi vuole compiere azionisbagliate tene a nasconderlo". Di qui la conferma indirettadella sua ricandidatura a un quinto mandato, con l'auspicio cheil congresso Fifa che

(AGI) - Roma, 28 mag. - Tutti contro Sepp Blatter, trannePutin. Il presidente della Fifa non lascia, anzi. Intervenendoa Zurigo all'apertura del congresso della Federazione mondialedel calcio che domani - con un voto a scrutinio segreto -dovra' decidere se affidargli un quinto mandato o rimpiazzarlocon il principe giordano Ali bin al Hussein, si chiama fuoridalle responsabilita' affermando che non poteva "vigilaresempre e su tutti", anche perche' "chi vuole compiere azionisbagliate tene a nasconderlo". Di qui la conferma indirettadella sua ricandidatura a un quinto mandato, con l'auspicio cheil congresso Fifa che si apre domani a Zurigo sia "l'avvio diuna fase di rilancio". Il 79enne drigente elvetico ha ammessoche la sua federazione sta vivendo "tempi di una difficolta'senza precedenti" a causa delle inchieste per corruzione e che"arriveranno altre cattive notizie" per colpa di quanti, con iloro comportamenti, hanno portato "vergogna e umiliazione" sulcalcio. "Il calcio, i tifosi, i club meritano molto di piu' e toccaa noi rispondere", ha detto Blatter sottolineando che deveessere "riguadagnata" la reputazione della Fifa. "Al congressoavremo l'opportunita' di iniziare quella che sara' una lunga edifficile strada verso la ricostruzione della fiducia. Abbiamoperso la fiducia e ora dobbiamo riguadagnarcela attraverso ledecisioni che prenderemo, attraverso le aspettative che abbiamol'uno verso l'altro e attraverso il modo in cui ci comportiamoindividualmente", ha aggiunto il numero uno della Fifa. Bisognera', ha avvertito, "fare di piu' per garantire chetutti nel calcio si comportino in modo responsabile ed etico". Contro Blatter, il presidente della Uefa Michel Platini chesi e' detto "disgustato" dallo scandalo e ha spiegato di averchiesto invano all'"amico" di dimettersi nella riunionesvoltasi a Zurigo insieme ai presidenti delle altre cinqueconfederazioni. "Cambiare presidente e' l'unico modo percambiare la Fifa", ha avvertito l'ex juventino, assicurando che"almeno 45-46" federazoni europee su 53 voteranno controBlatter. Tra queste quella italiana, dopo che il presidentedella Fgci Carlo Tavecchio, ha confermato che l'Italia non puo'non considerare "le valutazioni di Platini che hanno raccoltol'unitarieta' dell'Uefa". Con una dura presa di posizione contro l'inchiesta Usasulle presunte mazzette, il presidente russo Vladimir Putin hadefinito "a dir poco strani" gli arresti di sette dirigentidella federazione mondiale di calco eseguiti a Zurigo, a suoavviso "un tentativo degli Stati Uniti di estendere la lorogiurisdizione ad altri Stati". Per il leader del Cremlino gliUsa si comportano come con i "nemici" Assange e Snowden e illoro e' "un chiaro tentativo di impedire la rielezione di SeppBlatter" per via giudiziaria e di far revocare l'assegnazionedei mondiali alla Russia per il 2018. Tra i governi europei si rafforza invece la linea contrariaalla rielezione. Dalla Gran Bretagna, il premier David Cameronha chiesto le dimissiomi di Blatter e il ministro degli EsteriPhilip Hammond ha affermato che "c'e' qualcosa di profondamentesbagliato al cuore della Fifa". Il governo francese ha chiestoun rinvio del voto lamentando che si sta dando "un'immaginedisastrosa" del calcio. (AGI).