Serie A: vincono Napoli e Juve, Udinese frena rimonta Milan

Serie A: vincono Napoli e Juve, Udinese frena rimonta Milan

Roma - Soffrono, ma alla fine rispettano il pronostico e vincono. Il Napoli batte 1-0 il Carpi grazie al rigore del solito Higuain, la Juventus si impone 2-0 a Frosinone con le rete di Cuadrado e Dybala. Vincono entrambe, dunque, le prime due della classe e sabato, allo Juventus Stadium, gli azzurri di Sarri si presenteranno con due punti di vantaggio sui campioni d'Italia. A completare il quadro delle 5 gare delle 15, il pareggio dell'Udinese in casa del Milan (1-1), la vittoria del Chievo a Torino e il 2-2 di Sassuolo-Palermo.

Come detto vince ma soffre il Napoli che piega il Carpi quando resta in superiorità numerica e grazie al rigore trasformato da Higuain al 69mo, per un atterramento in area di Koulibaly (per lui il sostegno del San Paolo dopo i cori razzisti dell'Olimpico). Partita piu' complicata del previsto per gli azzurri di Sarri che al 51mo sbloccano il risultato con Callejon, ma il gol viene annullato per un fuorigioco che non c'è. Al 57mo Doveri sbaglia ancora espellendo Bianco per doppia ammonizione, ma era stato Zaccardo ad atterrare Insigne. Poi il gol, su rigore (giusto) di Higuain al 24esimo centro in altrettante partite.

A Frosinone stadio pieno e grande entusiasmo per la prima volta della Juventus al Matusa in Serie A. La squadra di Stellone chiude tutti i varchi e i bianconeri, cosi' come era successo nel turno precedente con il Genoa, faticano a innescare le punte, poche le occasioni da gol e il risultato non si sblocca. Nella ripresa la Juve insiste, al 27° e' il palo a negare il gol a Dybala, ma un minuto dopo i campioni d'Italia passano con Cuadrado che mette dentro su assist di Alex Sandro. C'e' spazio anche per il 2-0, lo firma Dybala al 91mo su assist di Morata. Per la "Joya" 13esima rete in campionato, per la Juventus 14esima vittoria consecutiva.

A San Siro Milan chiamato a confermare i progressi degli ultimi turni e a conquistare la terza vittoria consecutiva. Di fronte l'Udinese che nell'11 titolare propone l'ex rossonero, Armero, che non vestiva la maglia dei friulani da tre anni e che, al 17mo, porta in vantaggio a sorpresa i bianconeri, ribadendo in rete la respinta di Donnarumma (con l'aiuto della traversa) sul colpo di testa di Kuzmanovic. La squadra di Mihajlovic reagisce, ma non trova il gol. Nella ripresa dentro Balotelli per Kucka, ma al terzo minuto Lodi sbaglia il gol dello 0-2 e, sul capovolgimento di fronte, Niang sigla la rete dell'1-1. Il Milan insiste, ma la traversa respinge la conclusione a botta sicura di Bertolacci, finisce 1-1 e il "Diavolo" frena la sua rimonta.

A Torino nuovo ko per la squadra di Ventura. Benassi, al 18mo e su assist di Immobile, porta in vantaggio i granata alla ricerca della vittoria dopo 3 pareggi e una sconfitta nelle ultime quattro gare. Il Chievo, reduce da tre ko consecutivi, pareggia al 34mo grazie a una sfortunata autorete di Bruno Peres. Nella ripresa, al 27mo, gli ospiti ribaltano il risultato con Birsa che trasforma il rigore concesso per il fallo di Avelar su Castro. Torino ko e fischiato dai tifosi, il Chievo si porta a 30.

A Reggio Emilia il Palermo passa in vantaggio alla mezz'ora con Vazquez, ma la gioia dei rosanero dura poco perche' prima dell'intervallo i padroni di casa pareggiano con Defrel, servito da un assist di tacco di Falcinelli. Nella ripresa, al quinto minuto, il Sassuolo capovolge il risultato con un gol di testa di Missiroli, ma e' immediata la reazione dei siciliani che pareggiano con l'incornata di Djurdjevic, su assist di Vazquez. Il Palermo resta in 10 per l'espulsione di Lazaar al 29mo, ma grazie alle parate di Sorrentino il risultato non cambia, finisce 2-2.

Alle 18 Atalanta-Empoli, alle 20.45 Roma-Sampdoria, mentre il programma domenicale si era aperto con il rocambolesco 3-3 del Bentegodi tra Verona e Inter. (AGI)