Rugby: domani Italia-Canada, Ghiraldini "vincere meritando"

(AGI) - Leeds - Captain's Run sul prato della LeedsUniversity e seduta per i calciatori azzurri all'Elland Road,casa dello storico club  

(AGI) - Leeds, 25 set. - Captain's Run sul prato della LeedsUniversity e seduta per i calciatori azzurri all'Elland Road,casa dello storico club del Leeds United, dove domani (14.30 indiretta Sky Sport 2, differita MTV dalle 18) l'Italiaaffrontera' il Canada nella seconda giornata della Rugby WorldCup. Ottanta minuti cruciali per mantenere vive le speranze dipassaggio ai quarti di finale per Leonardo Ghiraldini ecompagni, una sfida tanto piu' pericolosa per gli azzurri chesi presentano all'appuntamento contro i nordamericani nei pannidi favoriti. "Ci sono ancor tre partite tra noi ed i quarti difinale - ha detto in conferenza stampa il capitano etallonatore degli azzurri, Ghiraldini - e nessuna puo' essereconsiderata semplice o vinta in partenza. Non ci sono partitefacili al Mondiale e non possiamo non pensare ad una partitaalla volta. Sara' decisiva la sfida all'Irlanda? Per orapensiamo a domani ed al Canada". "Dobbiamo vincere e, inprimis, dobbiamo meritare di vincere - ha proseguitoGhiraldini, domani all'ottantesimo cap della carriera -mettendo sul campo quello che abbiiamo preparato in settimana.Le vittorie arrivano da duro lavoro, dalla volonta' di metterein pratica cio' che viene allenato. Dovremo migliorare lanostra disciplina, fare attenzione al nostro rugby, essereconsapevoli che il Canada e' una squadra molto fisica e che nonsara' una partita semplice".Proprio dall'indisciplina e daitanti calci concessi alla Francia, sabato scorso a Twickenham,era maturata la sconfitta contro la Francia e Giampiero DeCarli, tecnico degli avanti azzurri, e' tornato sul matchinaugurale della Rugby World Cup. "Eravamo e rimaniamo convintidell'efficacia del nostro gioco di mischia. La nostra non e'una mischia che viene penalizzata perche' indietreggia, ma perdelle interpretazioni arbitrali che dobbiamo comprenderemeglio. Dobbiamo rimanere positivi e capire cosa vogliono idirettori di gara, continuare a lavorare insieme a loro equando possibile coinvolgerli maggiormente in cio' chefacciamo, per coinvolgerli maggiormente nel nostro lavoro, nonsolo nel giorno di gara". Edoardo Gori, mediano di mischia edinsieme all'estremo McLean il trequarti azzurro di maggioreesperienza, ha parlato della sfida tra le due linee arretrate:"Si e' parlato molto della mischia, dopo la gara con laFrancia, e meno della prova dei trequarti. Non e' stato facileper noi, ma abbiamo fatto vedere buone cose tanto in faseoffensiva che difensiva e domani contro il Canada vogliamodimostrare di aver compiuto ulteriori passi avanti nel nostrogioco. Sicuramente prenderemo ancor piu' responsabilita' nelgioco e cercheremo di contribuire il piu' possibile allaperformance della squadra. I trequarti canadesi sono grossi,forti fisicamente, con ottime skills individuali e cisfideranno nell'uno contro uno, dovremo essere bravi ad imporcisingolarmente e come collettivo, rimanendo concentrati sulnostro gioco". Ghiraldini ha chiuso la conferenza stampaevidenziando lo spirito del gruppo: "Veniamo da una serie disconfitte, e siamo determinati a fare una grande partita, aportare il risultato a casa. Siamo al Mondiale, le partiteviste sino ad oggi hanno dimostrato che tutto puo' succedere eche tutto e' ancora possibile, ma anche che non ci sono partitefacili per nessuno. Non sara' facile, ma siamo concentrati emotivati". (AGI)