Roma2024: Malago', sospetto possano candidarsi Baku e Budapest

(AGI) - Roma, 19 giu. - All'assegnazione delle Olimpiadi Estivedel 2024 mancano due anni e tre mesi: "Un periodo relativamentebreve, tenendo conto della complessita' dell'aspettoelettorale". Ospite di 'UnoMattina', su Rai1, il presidente delConi, Giovanni Malago', e' convinto da qui a settembre 2017,allorche' il Cio prendera' a Lima una decisione in merito, loscenario e' destinato a mutare. Al momento sono in corsa Roma,Amburgo, Boston e Parigi, ma secondo il numero uno dello sportitaliano, di ritorno dai Giochi Europei di Baku, "da qui asettembre ci saranno delle evoluzioni e delle nuovecandidature. Sospetto

(AGI) - Roma, 19 giu. - All'assegnazione delle Olimpiadi Estivedel 2024 mancano due anni e tre mesi: "Un periodo relativamentebreve, tenendo conto della complessita' dell'aspettoelettorale". Ospite di 'UnoMattina', su Rai1, il presidente delConi, Giovanni Malago', e' convinto da qui a settembre 2017,allorche' il Cio prendera' a Lima una decisione in merito, loscenario e' destinato a mutare. Al momento sono in corsa Roma,Amburgo, Boston e Parigi, ma secondo il numero uno dello sportitaliano, di ritorno dai Giochi Europei di Baku, "da qui asettembre ci saranno delle evoluzioni e delle nuovecandidature. Sospetto possa candidarsi la stessa Baku, cosi'come mi dicono Budapest. Roma, sotto l'aspetto sportivo e dilobbing, si fara' trovare pronta per il 2017, ma gia' stiamofacendo il massimo del lavoro e siamo ben considerati". SuRoma2024 pesano gli impianti non realizzati del recente passatoe la vicenda, ancora tutta da chiarire, di 'Mafia Capitale':"Tutto puo' incidere in senso positivo, e noi abbiamo moltofrecce da giocare, e negativamente sulla candidatura. Anchequello che leggiamo in questi giorni non aiuta, pero' e'fondamentale pensare e sperare che tutto si possacircoscrivere: sono situazioni del passato e dobbiamodimostrare che questi errori non capiteranno piu'. E' come se,alle nuove generazionil fosse stato ipotecato il presente ed ilfuturo, e non e' giusto.Si e' sempre separata l'organizzazionesportiva dall'appalto - conclude Malago' - Oggi, in virtu'delle nuove regole del gioco e dell'accordo con l'Autorita'Nazionale Anticorruzione di Raffaele Cantone, tutte questevicende non potrebbero piu' succedere". .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it