Saga dei fratelli Borlee, Belgio in finale nella 4x400

Saga dei fratelli Borlee, Belgio in finale nella 4x400
Borlee (Afp) 

Rio de Janeiro - La saga dei fratelli Borlee cresce ancora. Dai due finalisti sui 400 metri a Londra 2012, adesso sono in tre e gareggiano addirittura assieme. Ieri sera Jonathan e suo gemello Kevin, ed il fratellino Dylan hanno composto i trequarti della staffetta 4x400 del Belgio qualificandola per la finale olimpica dei Giochi di Rio de Janeiro in programma questa sera (la notte in Italia). Tre componenti della staffetta del miglio belga e' formata da fratelli. Un vero e proprio primato. Ma c'e' di piu'. Sulla pista dello stadio Olimpico 'NA­lton Santos' nei giorni scorsi in gara sui 200 metri c'era anche la sorella Olivia ma si e' fermata al primo turno. Olivia, la piu' vecchia dei fratelli essendo nata il 10 aprile del 1986, a Pechino 2008 ha contribuito alla conquista della medaglia d'argento (diventata poi d'oro a seguito della squalifica per doping della Russia) della 4x100 composta anche da Hanna Marien, Elodie Ouedraogo e Kim Gevaert. Ieri sera il Belgio ha vinto la seconda batteria della 4x400 stabilendo anche il nuovo record nazionale, 2'59'25, migliorando cosi' il precedente limite di otto centesimi. I componenti della staffetta erano gli stessi del bronzo iridato dello scorso anno ai Mondiali di staffetta di Nassau. In prima frazione c'era Julien Watrin, poi nell'ordine, Jonathan, Dylan e Kevin. Jonathan e Kevin sono nati il 22 febbraio 1988 a Woluwe-Saint-Lambert, nella regione di Bruxelles, mentre Dylan il 20 settembre 1992. Il miglior risultato a livello individuale dei quattro fratelli e' stato il bronzo sui 400 piani vinto da Kevin ai Mondiali di Daegu nel 2011 nella finale che ha visto Jonathan chiudere al quinto posto.Assieme alla sorella Olivia, vengono tutti allenati da papa' Jacques nato a Kisangani nel Congo belga e figlio di un diplomatico. Nel curriculum del padre il bronzo sui 200 metri nel 1983 agli Europei di Budapest. Anche la mamma Edith De Martelaer e' stata una buona velocista tanto da laurearsi campionessa belga sui 200. (AGI)