Problemi di salute, Pelè rinuncia alla fiaccola

Il campione-idolo del calcio brasiliano non è l'ultimo tedoforo

Problemi di salute, Pelè rinuncia alla fiaccola
Maradona e Pele' (Afp) 

Rio de Janeiro - Non sarà Pelè ad accendere il braciere olimpico. A poche ore dalla cerimonia d'apertura dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, lo stesso O'Rei annuncia di non essere nelle condizioni fisiche ideali per essere presente stasera al Maracanà. "Cari amici, solo Dio è più importante della mia salute - scrive in una nota ufficiale Pelè, dato per favorito per il ruolo di ultimo tedoforo -. Nella mia vita ho avuto fratture, operazioni, dolori, ricoveri in ospedale, vittorie e sconfitte, sempre rispettando coloro che mi stimano. La responsabilità delle decisione è mia, mi dispiace deludere la mia famiglia e il popolo brasiliano. In questo momento non sono nelle condizioni fisiche di partecipare alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi. Come brasiliano prego Dio che benedica tutti". Pelè è ancora sofferente all'anca, dove è stato operato due volte negli ultimi due anni, e fatica a camminare senza l'aiuto del bastone. Ieri l'ex fuoriclasse brasiliano - che non ha mai partecipato ai Giochi perché alla sua epoca erano vietati ai professionisti - si era recato a San Paolo per un consulto medico. (AGI)