Nibali sfortunato, ma Fiamingo è già medaglia

Dopo la grande festa si fa sul serio. Per l'Italia è già medaglia grazie a Fiamingo

Nibali sfortunato, ma Fiamingo è già medaglia
 Olimpiadi Rio 2016 scherma Rossella Flamingo - federazione italiana scherma

Rio de Janeiro - Dopo la grande festa della cerimonia inaugurale con la nostra Federica nazionale a portare il Tricolore, a Rio 2016 si comincia a fare sul serio e per poco non ci scappa la prima medaglia azzurra, forse il 200mo oro ad arricchire il palmares dell'Italia ai Giochi Olimpici. Il sogno svanisce nella discesa della gara di ciclismo. Quando l'arrivo di Copacabana e' li', a una dozzina di chilometri, il grande protagonista annunciato, il nostro Vincenzo Nibali, cade insieme ad uno dei compagni di fuga il colombiano Henao e la speranza di vincere se non l'oro almeno una medaglia, finisce sull'asfalto. Frattura della clavicola e avventura olimpica finita. Alla fine il successo andra' al belga Greg Van Avermaet che, ripreso a 1.500 metri dall'arrivo un ormai spento polacco Rafal Majka, si aggiudica lo sprint sul danese Jakob Fuglsang. Il migliore della squadra del Ct Davide Cassani e' Fabio Aru, sesto a 15".

Le speranze italiane di vincere una medaglia gia' nel primo giorno di gare brasiliane sono esaudite da a Rossella Fiamingo. La campionessa del mondo di spada ha conquistato l'argento dopo essersi arresa solo alla ungherese Emese Szasz e dopo ha sconfitto in semifinale la cinese Yiwen Sun 12-11, nel minuto finale rimontando tre stoccate all'avversaria. Le buone notizie per l'Italia arrivano anche dalla pallanuoto con la bella vittoria di uno Settebello che, falcidiato da infortuni ed espulsioni, supera 9-8 la Spagna nel match d'esordio del torneo olimpico. Sotto di due reti a meta' quarto tempo (8-6), con Aicardi (sospetta frattura al setto nasale) e Velotto infortunati, Nora, Gitto e Bodeags fuori per limite di falli, segna tre reti in un minuto e 25 secondi recuperando lo svantaggio e andando a vincere stoicamente grazie ad una rete di Christian Presciutti che regala il primo sorriso nel gruppo B olimpico. Decisivo l'ingresso di Marco del Lungo in porta nel terzo tempo che ipnotizza Molina sul rigore del possibile 9-8 iberico, e sventa le ultime due conclusioni con l'uomo in piu' degli spagnoli.

La squadra di Sandro Campagna tornera' in vasca lunedi' 8 agosto, alle 15.20 italiane, contro la Francia. Buona la prima anche per il duo azzurro del beach volley. Alex Ranghieri e Adrian Ignacio Carambula hanno battuto gli austriaci Clemens Doppler e Alexander Horst, in due set, col punteggio di 21-14 21-13. Volano in semifinale tre barche azzurre nella prima giornata di qualificazione del canottaggio. Il due senza di Giovanni Abagnale e Marco Di Costanzo; il due di coppia Romano Battisti e Francesco Fossi e il quattro senza pesi leggeri con Stefano Oppo, Martino Goretti, Livio La Padula e Pietro Ruta.

Ok anche Sara Errani che nel torneo di tennis ha sconfitto la olandese Kiki Bertens, 4-6 6-4 6-3. Nel nuoto, 4x100 femminile in finale. Il quartetto con Erika Ferraioli, Silvia Di Pietro, Aglaia Pezzato e Federica Pellegrini ha vinto la propria batetria in 3'35"90 e ottiene il nuovo record italiano e quarto tempo complessivo, dietro Australia, Usa e Canada. Gabriele Detti si qualifica per la finale dei 400 sl ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, in programma alle 3.30 in Italia. Fuori nei 400 misti, Luca Marin e Federico Turrini e Luisa Trombetti e Sara Franceschi nella gara femminile. Eliminata anche Ilaria Bianchi nei 100 farfalla e Andrea Toniato nei 100 rana, gara in cui si registra il primo nuovo record mondiale ad opera del britannico Adam Peaty, con 57"55, migliorando il suo stesso primato di 57"92 ottenuto a Londra nel 2015. Va a agli Stati Uniti la prima medaglia d'oro dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro.

Nella finale della carabina femminile 10 metri, all'Olympic Shooting Center, trionfa la 19enne americana Virginia Trasher, che per un solo punto la spunta sulla cinese Du Li (208.0 contro 207.0). Bronzo per un'altra cinese, Yi Siling, che chiude con 185,4. L'azzurra Petra Zublasing era stata eliminata nelle qualificazioni dove non era riuscita a far meglio del 33esimo punteggio. Giuseppe Giordano, invece, con il quinto posto (580-24x) nelle eliminatorie, conquista la finale della pistola 10 metri. Niente medaglia per l'Italia maschile dell'arco campione in carica. Quattro anni dopo l'oro di Londra, gli azzurri cedono nei quarti di finale alla Cina: 6-0 il punteggio che condanna il terzetto composto da Marco Galiazzo, Mauro Nespoli - entrambi protagonisti nel 2012 - e David Pasqualucci. Continua il proprio cammino invece Carmine Tommasone che accede ai quarti di finale nella categoria Leggeri 60 Kg, battendo il messicano Lindolfo Delgado per 3-0. (AGI)