Campriani nella leggenda, secondo oro in 6 giorni

Il toscano trionfa di nuovo nella carabina 50 metri 3 posizioni

Campriani nella leggenda, secondo oro in 6 giorni
Niccolò Campriani, medaglia d'oro nella carabina 10 metri (Afp) 

Rio de Janeiro (Brasile) - Sei giorni dopo il trionfo nella carabina ad aria compressa 10 metri, Niccolo' Campriani ha conquistato un'altra medaglia d'oro nel tiro a segno carabina 50m tre posizioni, confermando il titolo di Londra con un totale di 458.8. Argento al russo Kamenskiy, beffato all'ultimo sparo, bronzo al francese Raynaud. Il 28enne toscano chiude le tre serie in ginocchio davanti a tutti, con un parziale di 155.1; da sdraiato raggiunge quota 310.0, a pari merito con il russo Kamenskiy, mentre nelle due serie in piedi passa in seconda posizione, fino allo sparo finale che ribalta le gerarchie: se l'azzurro ha realizzato un deludente 9,2, il suo rivale è crollato con un misero 8,3. E' il settimo oro azzurro ai Giochi di Rio. 

Fantastica Tania, bissa la medaglia nell'individuale con un bronzo 

"Non ne avevo più, l'oro è stato un regalo", ha ammesso Campriani, "è stata una settimana pazzesca, ero preoccupato perché, dopo l'oro, ho dormito poco. Non riuscivo a scrollarmi l'adrenalina: l'eliminazione di Petra (Zublasing, la sua compagna), le sfide dei compagni, poi ho cercato di prendere tutto alla leggera e oggi sono stato fortunato, pescando la finale per niente". "Queste finali 'back to zero' sono micidiali, ne avevo già pagato le conseguenze. Pensavo fosse ultima gara, però mi sono divertito molto", ha ammesso il tiratore toscano, "sono contentissimo della finale che ho fatto. E' pazzesco arrivare a due ori, non me l'aspettavo. Ero sicuro che sarebbe stata ultima olimpiade e quindi vediamo cosa succederà. Alla fine ero stanchissimo, tiravo tra un battito di cuore e l'altro ed è andata bene. Kamensky è stato il migliore e forse ha sbagliato a tirare dopo di me. Il mormorio del pubblico lo avrà disturbato".
 

 

Paradossalmente Campriani deve ringraziare il detestato nuovo format della gara che annulla i risultati delle qualificazioni visto che era entrato in finale all'ultimo, occupando l'ottava posizione con un totale di 1174-62x. Il compagno azzurro, Marco De Nicolo, era rimasto fuori dai finalisti con un punteggio di 1168-59x. Si tratta della seconda medaglia d'oro in questi Giochi per Campriani, la terzo della sua carriera. Niccolò in finale ha fatto 458.8 punti, 0.3 più del russo Kamenskiy, fortissimo ma tesissimo all'ultimo colpo. Ha fatto 8.3, pochissimo.

Dopo i 15 tiri in ginocchio, Campriani era primo con 155.1 punti. Nei 15 tiri a terra però è calato: ha sparato peggio che in ginocchio e si è fatto raggiungere - primo alla pari - dal russo Kamenskiy, fenomenale nei 120 tiri di qualificazione. 

 

Settebello ko con gli Usa finisce terzo nel girone, ora i quarti

 
Campriani diventa così uno dei due italiani bimedagliati di questi Giochi, assieme a Gabriele Detti. L'altro giorno, dopo il podio sfumato, Campriani aveva ventilato l'ipotesi di un ritiro ma nelle interviste ha deto di essersi molto divertito in questa finale e quindi ha lasciato aperto uno spiraglio: "Sono contentissimo della finale che ho fatto. È pazzesco arrivare a due ori, non me l'aspettavo. Ero sicuro che sarebbe stata ultima Olimpiade e invece mi sono divertito, quindi ora vediamo cosa succederà ".‚Äč (AGI)