Gaffe Iaaf, ispettori al Quirinale per test doping; cacciati

Il controllo a sorpresa per la marciatrice azzurra Rigaudo è stato poi effettuato al Foro Italico

Gaffe Iaaf, ispettori al Quirinale per test doping; cacciati
Iaaf (Afp) 

Roma - Sfiorato "l'incidente diplomatico" questa mattina al Quirinale per la clamorosa gaffe della federazione mondiale di atletica leggera Iaaf, che ha inviato a sorpresa gli ispettori antidoping al palazzo del Capo dello Stato con l'intenzione di testare la marciatrice piemontese Elisa Rigaudo, che stava partecipando alla cerimonia di consegna del tricolore agli alfieri azzurri Federica Pellegrini e Martina Caironi in vista dei Giochi di Rio. Gli ispettori, ovviamente, non sono stati fatti entrare: "Non hanno titoli", ha sottolineato secco il Quirinale.

Cerimonia di consegna della bandiera agli atleti olimpici e paralimpici in partenza per Rio 2016

La Rigaudo per la giornata di oggi aveva comunicato la reperibilita' a Roma indicando il suo programma di appuntamenti, e nella lista compariva anche lo storico palazzo gia' reggia dei Papi e dei Savoia. Per questo gli ispettori, si sono presentati al Portone principale del Quirinale, senza alcun accredito. Inevitabile la risposta cortese ma ferma della sicurezza: qui non potete entrare. (AGI)