Presidente Corinthians, "prego per dare via Pato, che flop!"

(AGI) - Roma, 25 giu. - Un pentimento in pienaregola. Roberto de Andrade, presidente del Corinthians, non usagiri di parole e afferma che aver preso Alexandre Pato e' statoun grande errore. E addirittura "prega" affinche' riesca acedere l'ex milanista, in prestito al San Paolo fino adicembre. "Tutti sanno cosa vuole il Corinthians, io pregogiorno e notte per riuscire a vendere Pato - sbotta il numero 1del 'Timao' a 'Espn' -. Da gennaio dovra' tornare, deverispettare cio' che ha firmato. Pazienza. Le scelte sono sue,non mie". Due settimane fa il Papero ha

(AGI) - Roma, 25 giu. - Un pentimento in pienaregola. Roberto de Andrade, presidente del Corinthians, non usagiri di parole e afferma che aver preso Alexandre Pato e' statoun grande errore. E addirittura "prega" affinche' riesca acedere l'ex milanista, in prestito al San Paolo fino adicembre. "Tutti sanno cosa vuole il Corinthians, io pregogiorno e notte per riuscire a vendere Pato - sbotta il numero 1del 'Timao' a 'Espn' -. Da gennaio dovra' tornare, deverispettare cio' che ha firmato. Pazienza. Le scelte sono sue,non mie". Due settimane fa il Papero ha deciso di fare causa alCorinthians chiedendo, invano, la rescissione del contratto, inscadenza nel dicembre 2016, sostenendo di non ricevere idiritti d'immagine da oltre tre mesi e ne' il Corinthians ne'il San Paolo sarebbero in regola coi versamenti legati al suofondo di garanzia per il tempo di servizio. Dal canto suo ilCorinthians non vede l'ora di cederlo, e in Italia ci sarebbela Lazio che avrebbe messo l'attaccante brasiliano nel mirino:"Qualcosa c'e' e mi auguro che avvenga". E ancora: "E' ovvioche sono pentito guardando i risultati ma quando l'abbiamopreso dal Milan tutti pensavamo che fosse un affare prenderePato. La responsabilita' del flop - conclude De Andrade - sonoal 100% sue. Noi abbiamo fatto tutto cio' che potevamo peraiutarlo. Adesso, al San Paolo, ha dei lampi, ma in generale hagiocato male".(AGI) .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it