Parma Calcio, Riccobene "la societa' e' fallita, ma si gioca"

(AGI) - Roma - Una vera e propria udienza lampo,durata solo dieci minuti, quella che dovrebbe sancire ilfallimento del Parma e  [...]

(AGI) - Roma, 19 mar. - Una vera e propria udienza lampo,durata solo dieci minuti, quella che dovrebbe sancire ilfallimento del Parma e che si e' tenuta questa mattina nelTribunale della citta' ducale. Manenti ha comunicato la propriarinuncia a presentarsi e la societa' crociata era rappresentatada Osvaldo Riccobene, uno dei Sindaci del Collegio Sindacaleche ora si occupa dell'ordinaria amministrazione dopo l'arrestodel Presidente. Proprio Riccobene, all'uscita, ha raccontatocome si e' svolta l'udienza: "I creditori hanno insistito conla loro richiesta di fallimento, il Procuratore dellaRepubblica anche. Il Collegio Sindacale che e' rappresentatodalla mia persona, depositando una memoria del proprio operato,ha concluso con una non opposizione alla richiesta difallimento. Le tempistiche ora sono imprevedibili, il giudicenon ha lasciato trapelare nulla, mi auguro che arrivi unarisposta in tempi brevi. Lo spettro del fallimento lo do percerto. Oggi incontreremo la squadra, rispondero' alle domandeche vorranno farmi, spieghero' la situazione. Secondo medomenica si giochera', ma e' una mia supposizione. Su che basidico che si possa giocare Parma-Torino? Ritengo molto probabilel'esercizio provvisorio. Se la sentenza non arrivera' primadella gara la societa' per questa partita dovrebbe avere lepossibilita' di poter far giocare la gara". (AGI).