Riparte la Bundesliga, Haaland bagna la Fase 2 

Riparte la Bundesliga, Haaland bagna la Fase 2 

Il norvegese ha realizzato il primo gol della giornata che ha rotto 66 giorni di 'digiuno'. Il Dortmund ha poi travolto 4-0 i cugini dello Schalke. Vittorie anche per Wolfsburg, Hertha e Borussia Monchengladbach.

coronavirus covid 19 bundesliga germania borussia dortmund

La Bundesliga è ripartita nel silenzio degli stadi chiusi rotto solo dalle urla delle panchine, con il 'batti gomito' al posto delle strette di mano ed esultanze a distanza. La prima giornata post pandemia, dopo 66 giorni di astinenza da 'lockdown', si è aperta con il gol di Erling Haaland: il baby norvegese al 28mo minuto realizzato il suo nono gol nel Borussia Dortmund ed è stata stata la prima marcatura nelle cinque partite del pomeriggio. Si e' tratto di una bellissima azione corale avviata da Brandt per Thorgan Hazard il cui traversone dalla destra ha trovato puntuale Haaland a centro area per la deviazione con lo stinco sinistro. 

Nel derby della Ruhr, i gialloneri hanno poi travolto per 4-0 lo Schalke 04 con le reti di Thorgan Hazard (48') e la doppietta dell'ala Raphael Guerreiro (45mo e 63mo) e ora sono a -1 dal Bayern Monaco capolista che domani gioca sul campo dell'Union Berlino. Nelle altre partite il Lipsia e' stato fermato sull'1-1 in casa dal Friburgo (a cui e' stato annullato un gol nel recupero) e resta a -4 dalla vetta: ospiti in vantaggio con Grifo al 34mo (con deviazione di Gulde) e pareggio di Poulsen al 77mo. Il Wolfsburg ha superato in extremis l'Augsburg per 2-1 e l'Hertha del neo-tecnico Labbadia ha travolto in trasferta l'Hoffenheim per 3-0. L'unica partita senza reti è stata quella di bassa classifica tra Fortuna Dusseldorf e Paderborn. Nel tardo pomeriggio il Borussia Monchengladbach ha espugnato il campo dell'Eintracht Francoforte per 3-1 con le reti di Ple'ia, Thuram e Bensebaini, gol della bandiera di Andrè Silva nel finale per i padroni di casa.

A ogni partita era presenti non più di 300 persone tra atleti, staff, media e addetti ai lavori. la speranza degli addetti ai lavori e dei tifosi è che questo ritorno alla normalità del sabato calcistico non sia fermato da nuove impennate dei contagi.