Motogp: Marquez vince e allunga, Rossi e' terzo

Motogp: Marquez vince e allunga, Rossi e' terzo
Marc Marquez (Afp) 

Alcaniz - Marc Marquez ha vinto il Gran Premio di Aragon, quattordicesimo appuntamento stagionale (su 18) del motomondiale. Lo spagnolo della Honda, al termine di una gara bellissima e con tanti sorpassi, ha preceduto sul podio la Yamaha di Jorge Lorenzo. Sul gradino piu' basso del podio il nostro Valentino Rossi con l'altra Yamaha. Marquez allunga in classifica sui due rivali della Yamaha.

 "Non ho iniziato bene, ma poi ho attaccato - spiega lo spagnolo della Honda - sapevo che il mio ritmo era migliore, volevo stare in testa evitando che Rossi potesse seguirmi. Ho mantenuto la calma dopo l'errore, ho trovato un buon ritmo, ho superato Valentino, ho spinto e poi ho deciso di mantenere il ritmo. Rossi stava guadagnando dei punti e ora abbiamo fermato questa tendenza". "Sembrava tutto sotto controllo ma le gare sono diverse. Ho fatto un po' di fatica con la gomma davanti e all'inizio ho spinto un po' troppo. Piano piano ho ritrovato il feeling di ieri per far meglio nella seconda parte di gara. I sorpassi? Non e' solo merito mio, la Honda va forte in determinate curve. Differenze con Misano? Provo a gestirmi, quello e' un circuito in cui faccio un po' di fatica".

Valentino Rossi chiude in terza posizione il Gp di Aragon rallentando la propria rimonta. E c'e' un pizzico di rammarico perche' poteva arrivare un risultato migliore. "Eravamo un po' tutti nella stessa barca pur con un assetto diverso - afferma il pilota della Yamaha - A due giri dalla fine ho commesso un errore in frenata, altrimenti avrei potuto lottare per il secondo posto". "Sono arrivato lungo e sono dovuto andare largo, altrimenti saremmo usciti entrambi, avrebbe avuto il suo fascino - scherza Rossi - ma ho preferito evitare. Lorenzo era un po' piu' veloce ma avevo delle carte da giocarmi nell'ultimo giro, peccato. Avevamo gomme davanti diverse, lui alla fine ha messo la dura e riusciva a tirare su la moto meglio e mi dava sempre un pochino, poi qui Lorenzo guida molto forte. Avrei provato l'attacco all'ultimo giro, non so come sarebbe andata, ma ho vanificato tutto con l'errore in frenata. Mi ha sorpreso Lorenzo? No, io mi sorprendo quando va piano, non quando va forte. Marquez guida molto bene ad Aragon e la Honda in certi frangenti e' piu' agile. Il secondo posto? Sarebbe molto importante anche se non e' il primo, mi piacerebbe lottare per la vittoria in tutte e tre le gare e ora ci sono tre piste che mi piacciono moltissimo".

Jorge Lorenzo chiude in seconda posizione il quattordicesimo appuntamento del motomondiale. "Posteriore dura ha ripagato? Dopo l'incidente di questa mattina ho provato la posteriore dura ed e' andata benissimo, l'istinto mi ha detto di sceglierla ed e' arrivato un buon risultato. Ci siamo avvicinati piu' di quanto ci aspettassimo al vincitore". "Rossi teneva un passo piu' veloce di me all'inizio e a meta' gara, poi il suo ritmo e' calato per via della gomma. Quando l'ho sorpasato a 4 giri dalla fine si e' attaccato dietro e senza quello sbaglio sarebbe stata una battaglia fino all'ultima curva perche' non mollava. Gomma dura anche in futuro? Dipende dalle gomme e dalla temperatura dell'asfalto, oggi con la dura e' andata bene ma non so cosa succedera' nelle altre piste, alla fine abbiamo salvato una situazione difficile, oggi mi sarei aspettato di arrivare sesto o settimo. Titolo? Marquez dovrebbe essere proprio sfortunato per non vincerlo. Io se finisco davanti a Rossi nelle prossime gare posso arrivare secondo". (AGI)