Mondiali: Germania, stampa in giubilo celebra il trionfo

(AGI) - Berlino, 14 lug. - La stampa tedesca in giubilo celebrala quarta vittoria della nazionale, la prima di una squadraeuropea in SudAmerica e incorona "Goetze, il redentore" come un"dio del calcio" per il suo gol delizioso che ha regalato lavittoria alla nazionale di Joachim Low. "Goetze, dio delcalcio: siamo campioni del mondo", titola a tutta pagina laBild, dedicando 16 pagine a ogni dettaglio del trionfo dellasquadra a Rio de Janeiro. Alcuni quotidiani, come la"Süddeutsche Zeitung" sono ricorsi a un gioco di parole e hannocombinato l'espressione "Gott sei Dank" (grazie a

Mondiali: Germania, stampa in giubilo celebra il trionfo
(AGI) - Berlino, 14 lug. - La stampa tedesca in giubilo celebrala quarta vittoria della nazionale, la prima di una squadraeuropea in SudAmerica e incorona "Goetze, il redentore" come un"dio del calcio" per il suo gol delizioso che ha regalato lavittoria alla nazionale di Joachim Low. "Goetze, dio delcalcio: siamo campioni del mondo", titola a tutta pagina laBild, dedicando 16 pagine a ogni dettaglio del trionfo dellasquadra a Rio de Janeiro. Alcuni quotidiani, come la"Süddeutsche Zeitung" sono ricorsi a un gioco di parole e hannocombinato l'espressione "Gott sei Dank" (grazie a Dio) con ilnome di Goetze per coniare un neologismo "Götzeidanke". Ed eccodunque: "Götzseidank! Götze, Götze, sempre Götze". Ovunque emerge l'enorme gratitudine alla squadra e ancheall'allenatore: Grazie, Jogi (Loew)! Grazie ragazzi, ci avetereso infinitamente felici", titola la Bild on-line; e poi aggiunge: "Ci inchiniamo all'allenatore: ha guidato la squadrasempre concentrato, e' rimasto tranquillo dopo grandi vittorie,calmo dopo partite difficili". "Siete i piu' grandi" aggiungeil manifesto a doppia pagina e staccabile all'interno delgiornale, mostrando Bastian Schweinsteiger che solleva iltrofeo sulla sua testa e la squadra estatica che innalza ipugni in aria. Persino la sezione salute del giornale offreconsigli ai lettori tifosi piu' accaniti su come superarel'astinenza da calcio, dopo quattro settimane di 'fullimmersion'. .