Europei scherma, nel fioretto oro Di Francisca e bronzo Errigo

(AGI) - Montreux (Svizzera)  - L'Italscherma sale aquota sette nel medagliere degli Europei di Montreux e lo fagrazie ad Elisa Di  

(AGI) - Montreux (Svizzera), 9 giu. - L'Italscherma sale aquota sette nel medagliere degli Europei di Montreux e lo fagrazie ad Elisa Di Francisca ed Arianna Errigo, grandiprotagoniste della prova di fioretto femminile. La medagliad'oro va al collo di Elisa Di Francisca che si confermacampionessa europea per il terzo anno consecutivo, masoprattutto cala il poker stagionale dato che quello maturatoquesto lunedi sulle pedane di Montreux, segue le vittoriconquistate in Coppa del Mondo, in rapida successione, aL'Avana, Tauber e Shanghai. La finale ha visto l'azzurra superare, col punteggio di15-13 la russa Larisa Korobeinykova, al termine di un assaltonel quale la campionessa olimpica ha dovuto fermare iltentativo di rimonta dell'avversaria. "Sono felice - ammetteElisa Di Francisca -. Sto ritrovandomi dopo un lungo periodo.Oggi e' stata una vittoria di carattere e di grinta. Volevovincere ed ho tirato fuori le unghie soprattutto in alcunimomenti in cui ho temuto di non farcela a superare leavversarie. Grazie a tutti coloro che lavorano con me. Adessosguardo ai prossimi obiettivi, ma con la consapevolezza che storitornando sui miei livelli". La seconda medaglia di giornatae' invece quella di bronzo ed a conquistarla e' Arianna Errigo,superata nel derby di semifinale, per 15-8 dalla compagna diNazionale, Elisa Di Francisca."Arrivare al podio era il mioobiettivo minimo ma - dice a caldo Arianna Errigo - perdere nonfa piacere mai. Guardo il bicchiere mezzo pieno perche' eraimportante tornare ai vertici dopo un periodo difficile. Ora losguardo e' gia' proiettato verso Mosca.In questo mese -continua ancora - devo stringere i denti per farmi trovarepronta ai Mondiali perche', si sa, queste due gare fanno ladifferenza nella corsa al pass olimpico. E poi, soprattutto, aMosca sono chiamata a difendere il titolo ed e' una "dolce"responsabilita'. Bisogna avere tanta pazienza, che non e'proprio il mio forte!". Le due azzurre sono giunte a conquistare la certezza delpodio, grazie ad un percorso netto, in cui hanno avuto del filoda torcere solo ai quarti di finale. Elisa Di Francisca hasofferto e fatto soffrire, per poi regalare emozioni, nel matchcontro la russa Inna Deriglazova. La campionessa olimpica halottato punto a punto, per poi avviare una rimonta che l'haportata dal 8-12 in favore dell'avversaria, sino al 15-14 chele ha aperto le porte del podio. Arianna Errigo, dal canto suo,dopo un inizio in salita, riusciva a rimettere sui binarivoluti l'assalto, superando poi l'altra russa Yulia Biryukovacol punteggio di 15-10. In contemporanea, invece, ValentinaVezzali fermava la sua corsa. Ad interrompere l'avanzatadell'azzurra e' stata la "sempreverde" ungherese Aida Mohamedper 15-11. "La delusione e' tanta ed inutile nasconderlo -ammette Valentina Vezzali -. La sconfitta brucia perche' giuntaproprio ad un passio dal podio.Adesso pero' bisogna archiviarequesta sconfitta, imparare dagli errori commessi e pensare sinda subito ai Campionati del Mondo di Mosca". "E' una grandesoddisfazione vedere due atlete sul podio - commenta ilCommissario tecnico, Andrea Cipressa -. Se oggi festeggiamo e'perche' c'e' un grande gruppo alle spalle, composto daimaestri, dai preparatori e dallo staff medico. Tutti lavoriamoper un obiettivo comune ed i risultati di questo lavoro coralee' la "sinfonia" che anche siamo riusciti ad ascoltare.Anzi...direi l'inno! Adesso bisogna recuperare energie e forzeper dimostrare che il "Dream Team" e' sempre quelloazzurro".Nei rispettivi percorsi di gara, Elisa Di Francisca,aveva dapprima avuto la meglio col netto punteggio di 15-3dell'israeliana Delila Hatuel per poi sconfiggere, con lostesso score, anche la polacca Hanna Lyczbinska. AriannaErrigo, invece, aveva prima vinto contro la polacca MartaLyczbinska per 15-8 e poi, nel turno dei 16, aveva sconfitto lafrancese Astrid Guyart per 15-6. Valentina Vezzali, invece,dopo aver avuto ragione della slovacca Michala Cellerova colpunteggio di 15-4, aveva superato 15-7 la francese YsaoraThibus. Si e' fermata invece nel turno dei 16 Martina Batini.L'azzurra, dopo aver vinto l'assalto contro la franceesePauline Ranvier per 15-6, e' stata eliminata per manodall'ungherese Gabriella Varga per 15-13. Nella prova di sciabola maschile, Aldo Montano si ferma aipiedi del podio dopo la sconfitta subi'ta ai quarti di finaledal russo, attuale numero 1 del ranking mondiale, AlexeyYakimenko col punteggio di 15-11. L'olimpionico livornese avevaguadagnato il passaggio del turno superando nel turno dei 16l'altro italiano, Luca Curatoli col punteggio di 15-13. Inprecedenza, Aldo Montano, dopo aver vinto tutti i match dellafase a gironi, aveva superato anche il primo scoglio deltabellone ad eliminazione diretta, rappresentato dallo spagnoloFernando Casares, col punteggio di 15-6. Luca Curatoli, invece,aveva eliminato per 15-11 l'ungherese Tamas Decsi. A concluderela sua esperienza nel turno dei 16 e' stato anche l'altronapoletano in gara, Diego Occhiuzzi. Il vicecampione olimpicodi Londra, dopo aver eliminato, nel primo match di giornata,l'ucraino Dmytro Pundyk per 15-9, e' stato sconfitto dal russoNikolay Kovaleva col punteggio di 15-13. Si e' fermato invecenel turno dei 32 Enrico Berre' che, dopo aver vinto il matchprecedente per 15-6 contro lo spagnolo Escudero, e' statoeliminato dal tedesco Max Hartung col punteggio di 15-4. Nellafase a gironi, Aldo Montano aveva vinto tutti gli assalti,mentre Diego Occhiuzzi aveva subi'to una sconfitta. Trevittorie e due sconfitte invece sia per Enrico Berre' che perLuca Curatoli.(AGI).