Euro2016: Nazionale. Buffon "Il Ct ha dato la sua impronta"

(AGI) - Firenze, 26 mar. - Il Mondiale brasiliano e' stato unfallimento. A Natal, dopo la sconfitta con l'Uruguay, si e'chiuso il ciclo Prandelli e anche in Figc e' cambiato ilpresidente. Da Abete a Tavecchio che ha affidato il nuovo corsoazzurro ad Antonio Conte. Nella vecchia Nazionale il capitanoera Gigi Buffon ed e' ancora lui a portare la fascia al braccianella nuova Italia targata Conte. In un'intervista rilasciata auefa.com il portiere della Juventus rende merito al commissariotecnico, imbattuto nelle qualificazioni a Euro2016. "Il misterha cercato di dare la sua impronta alla

(AGI) - Firenze, 26 mar. - Il Mondiale brasiliano e' stato unfallimento. A Natal, dopo la sconfitta con l'Uruguay, si e'chiuso il ciclo Prandelli e anche in Figc e' cambiato ilpresidente. Da Abete a Tavecchio che ha affidato il nuovo corsoazzurro ad Antonio Conte. Nella vecchia Nazionale il capitanoera Gigi Buffon ed e' ancora lui a portare la fascia al braccianella nuova Italia targata Conte. In un'intervista rilasciata auefa.com il portiere della Juventus rende merito al commissariotecnico, imbattuto nelle qualificazioni a Euro2016. "Il misterha cercato di dare la sua impronta alla squadra, sia dal puntodi vista tattico sia per serieta' e impegno in allenamento"spiega Buffon che nella gara di sabato contro la Bulgariacollezionera' la 147esima presenza in azzurro. "Conte - aggiunge - pensa che abituandoti a faticare e asuperare gli ostacoli mentali, sei piu' capace di risponderealle difficolta' in campo. I tre anni alla Juventus sono staticosi', ma penso che ne seguiranno tanti altri in Nazionale".Cinque vittorie in sei partite e la vetta nel Gruppo H a parimerito con la Croazia per gli azzurri. Buffon e' convinto chela concorrenza per una maglia da titolare abbia avuto un ruoloimportante, perche' Conte preferisce scegliere i giocatori piu'in forma e non disdegna gli esordienti assoluti. "Il rispetto ela credibilita' che il mister ha tra i giocatori si basano suun principio: trattare tutti allo stesso modo - commenta Buffon-. Le regole valgono per tutti e quando si tratta di sceglierechi giochera', ognuno di noi e' allo stesso livello. E' unottimo modo di lavorare". Il capitano azzurro, 37 anni, prevedeuna gara difficile a Sofia, dove la Bulgaria, quarta inclassifica, cerchera' di rimediare a una partenza in sordina inqueste qualificazioni. "Giocare nei paesi dell'est e' sempredifficile - spiega Buffon -. Le squadre danno il 120% perche'di fronte hanno l'Italia, mentre i giocatori vogliono sempremettersi in mostra. Sara' un ostacolo difficile, ma sescendiamo in campo con l'atteggiamento giusto possiamo batterechiunque". (AGI).