Euro2016: Conte si prepara per Croazia e futuro ancora azzurro

(AGI) - Firenze, 8 giu. - "Se sento profumo di Europeo?Dobbiamo ancora conquistarlo e dobbiamo essere bravi a centrarequesto obiettivo. Venerdi' prossimo contro la Croazia ciattende un impegno probante, contro una squadra che e' forte eche lo ha gia' dimostrato a San Siro, in cui ci mise indifficolta'". Antonio Conte tiene i piedi ben saldi per terra apochi giorni dalla gara di Spalato, crocevia fondamentale peril cammino azzurro verso Euro2016. "Stiamo lavorando per fareuna grande partita in una sfida che ha degli enigmi visto chenon si sa come si arriva a

(AGI) - Firenze, 8 giu. - "Se sento profumo di Europeo?Dobbiamo ancora conquistarlo e dobbiamo essere bravi a centrarequesto obiettivo. Venerdi' prossimo contro la Croazia ciattende un impegno probante, contro una squadra che e' forte eche lo ha gia' dimostrato a San Siro, in cui ci mise indifficolta'". Antonio Conte tiene i piedi ben saldi per terra apochi giorni dalla gara di Spalato, crocevia fondamentale peril cammino azzurro verso Euro2016. "Stiamo lavorando per fareuna grande partita in una sfida che ha degli enigmi visto chenon si sa come si arriva a fine stagione - avverte il ct - Benecomunque che affronteremo una squadra forte, questo ci terra'con le antenne ben dritte". Fra stage e ritiro, Conte ha avutomodo di lavorare parecchio con gli azzurri in queste ultimesettimane. "Indipendentemente dalla partita contro la Croaziasto portando avanti un percorso tattico che avevo in mente. Hoavuto la possibilita' di lavorare tre giorni la settimanascorsa con lo stage, tre giorni molto belli, molto intensi congrandissima voglia di tutti i ragazzi convocati. Questo mi hafatto molto piacere. Abbiamo una base con il 3-5-2, soprattuttoquando gli juventini sono a disposizione ma stiamo lavorandoanche su altri sistemi che possono esserci utili per ilfuturo". Proprio alcuni giocatori bianconeri non sono al top dellacondizione fisica dopo la finale di Champions di Berlino vistoche Barzagli e' gia' tornato a casa mentre Pirlo potrebbeessere alle sue ultime gare in azzurro. "Mi auguro che Pirloabbia voglia di continuare - commenta il ct - A me non hacomunicato niente ma conoscendolo ha talmente tanta voglia,tanto entusiasmo e tanta passione, come quella di un ragazzino,che non credo che possa pensare di lasciare la Nazionale ecomunque di andare via dall'Italia". "E' un mio parere -precisa Conte - ed e' giusto che ci rifletta. In NazionalePirlo e' un calciatore che per esperienza, carisma e qualita'terro' sempre in considerazione". A proposito di Juve, "hafatto una grandissima stagione, e' inevitabile poi che quandoarrivi a queste finali piccole cose possano spostare gliequilibri, come ad esempio dopo l'1-1 - l'analisi di Contesulla stagione bianconera e l'epilogo di Berlino - Penso che laJuventus abbia dimostrato di stare bene, di poter competere edi essere tornata grande. Da parte mia non l'ho maisottovalutata anche se per certi versi ha sorpreso anche me nelraggiungere la finale di Champions League. Pensavo lo sipotesse fare in due-tre anni e invece hanno accorciato i tempie sono stati molto bravi. Va dato merito ai calciatori, adAllegri, alla dirigenza e alla proprieta' di questo percorso.Mi auguro da ct che questo sia un punto di partenza anche peraltre squadre per tornare protagonisti". Un ct il cui futuro qualcuno mette in dubbio sia ancora alungo legato ai colori azzurri. "Anche se sono stato accostatoa diverse squadre non mi ha mai sfiorato il discorso dicambiare panchina - chiarisce - Ho un contratto con lafederazione che scadra' a luglio prossimo e sono contento efelice della strada intrapresa.So che sono una strada e unpercorso difficile pero' ho voglia di fare, di lavorare, ecerchiamo insieme ai nostri ragazzi di fare del nostro meglio".Conte una settimana fa ha incontrato il presidente dellaRepubblica, Mattarella, che lo ha esortato con un "siamo nelletue mani". "Il presidente e' stato molto carino, a me ha fattomolto piacere che mi abbia detto quelle cose. Ho trovato unapersona amante del calcio e con quelle frasi mi haresponsabilizzato". Infine Conte e' tornato a parlare del suocoinvolgimento nell'inchiesta sul calcioscommesse. "Per mequesta e' una vicenda molto, molto dolorosa, in cui ho avutoanche una perquisizione a casa che e' stato l'iniziodell'incubo. Sono quattro anni e mi auguro che quanto prima sipossa chiarire la posizione. Capisco anche che quando entri indeterminati meccanismi e' difficile uscirne pero' ho fiducia.Aspetto con fiducia che venga chiarita la mia posizione. Suquesta vicenda penso si siano espressi gli avvocati.Quando siparla della vicenda Cremona, esce sempre la mia faccia intelevisione. Qualcuno un giorno mi dovra' dare dellespiegazioni". (AGI).