Ciclismo: pedalata per Gino Bartali a 100 anni dalla nascita

(AGI) - Roma, 4 lug. - A 100 anni dalla nascita di GinoBartali, l'associazione 'Pedalando nella Storia - MauriceGarin' organizza una ciclopedalata a tappe per rievocare lafigura umana e sportiva del grande Gino. La prima tappapartira' mercoledi' 9 luglio da Santa Maria degli Angeli. Dali' i partecipanti muoveranno alla volta della Basilica di SanFrancesco di Assisi dove riceveranno la benedizione dei fratifrancescani. Seguira' la cerimonia di partenza ufficiale pressoil Museo della Memoria ove, nell'atrio, e' conservata lamacchina da stampa dei signori Brizi, i tipografi che durantela guerra stampavano clandestinamente i

Ciclismo: pedalata per Gino Bartali a 100 anni dalla nascita
(AGI) - Roma, 4 lug. - A 100 anni dalla nascita di GinoBartali, l'associazione 'Pedalando nella Storia - MauriceGarin' organizza una ciclopedalata a tappe per rievocare lafigura umana e sportiva del grande Gino. La prima tappapartira' mercoledi' 9 luglio da Santa Maria degli Angeli. Dali' i partecipanti muoveranno alla volta della Basilica di SanFrancesco di Assisi dove riceveranno la benedizione dei fratifrancescani. Seguira' la cerimonia di partenza ufficiale pressoil Museo della Memoria ove, nell'atrio, e' conservata lamacchina da stampa dei signori Brizi, i tipografi che durantela guerra stampavano clandestinamente i documenti falsitrasportati poi in bicicletta da Gino Bartali a Firenze. Grazieall'opera dei signori Brizi e del grande campione toscano molticittadini ebrei poterono cosi' celare la propria identita'evitando di essere deportati nei campi di sterminio nazisti. In proposito, al momento della partenza i nipoti deisignori Brizi e il figlio di Gino Bartali consegneranno aciascun partecipante una copia di una vecchia carta d'identita'falsificata. Al calare della notte i ciclisti partiranno poialla volta di Firenze. Alla stazione ferroviaria di Terontolasara' deposta una targa sotto la lapide che ricorda l'attivita'clandestina di Bartali durante la guerra. Si proseguira' poiverso Ponte a Buriano (il ponte rappresentato nel quadro piu'famoso del mondo, la Gioconda di Leonardo). L'arrivo a Ponte aEma, la frazione di Firenze dove nacque Gino Bartali il 18luglio 1914, e' previsto poco prima dell'alba. Dopo una brevesosta di fronte alla casa natale di "Ginettaccio", i ciclistiattenderanno l'alba a piazzale Michelangelo. La tappariprendera' nella tarda mattinata con una breve sosta presso ilGiardino dei Giusti ove si trova l'albero dedicato alla memoriadi Bartali. La tappa si concludera', dopo quasi 250 km, in cimaalla salita di San Baronto, il protettore dei ciclisti toscani. Il giorno successivo e' prevista una giornata di relativoriposo con trasferimento in bici della carovana a Lido diCamaiore, dove la famiglia Bartali trascorreva le ferie estive.In serata, ritorno in treno a Pistoia e di li' in bici invisita al cimitero di Casalguidi per un omaggio all'excommissario tecnico Franco Ballerini, morto nel 2010, che nel2014 avrebbe compiuto 50 anni. Il giorno successivo tappaimpegnativa per ricordare la figura di Gino Bartali grandescalatore. Si pedalera' nel Mugello e nel Casentino, con arrivoin salita al Santuario della Verna. L'ultima tappa, inprogramma domenica 13 luglio, riportera' i corridori ad Assisilungo la valle del Tevere con soste previste ad Anghiari,Monterchi (visita al Museo della Madonna del Parto di Pierodella Francesca e al Museo delle Bilance), Citta' di Castello eUmbertide. (AGI).