Champions: Juve bloccata sullo 0-0 dal Borussia Moenchengladbach

(AGI) - Roma, 21 ott. - La Juventus ha fallito il primomatch-point qualificazione agli ottavi di Champions League. Lostesso tecnico Max Allegri aveva detto alla vigilia che questagara sarebbe stata decisiva solo in caso di vittoria, ma con ilBorussia Moenchengladbach e' finita 0-0. Prima parte di garacon la Juve a far possesso palla per cercare di scardinare ilmuro sapientemente costruito dalla squadra allenata daSchubert. Borussia molto ordinato e capace di proporsi condisinvoltura nella meta' campo bianconera senza pero' lasciaretroppi varchi alla Vecchia Signora La Juventus ha cercato direndersi pericolosa a

(AGI) - Roma, 21 ott. - La Juventus ha fallito il primomatch-point qualificazione agli ottavi di Champions League. Lostesso tecnico Max Allegri aveva detto alla vigilia che questagara sarebbe stata decisiva solo in caso di vittoria, ma con ilBorussia Moenchengladbach e' finita 0-0. Prima parte di garacon la Juve a far possesso palla per cercare di scardinare ilmuro sapientemente costruito dalla squadra allenata daSchubert. Borussia molto ordinato e capace di proporsi condisinvoltura nella meta' campo bianconera senza pero' lasciaretroppi varchi alla Vecchia Signora La Juventus ha cercato direndersi pericolosa a piu' riprese sfruttando con continuita'le corsie esterne, grazie a un Cuadrado sulla destra benprotetto da Barzagli e alle continue sovrapposizioni di AlexSandro e Pogba sulla sinistra. Ma nella prima parte di gara leoccasioni piu' ghiotte sono arrivate con le conclusioni dalladistanza: prima Cuadrado al 23', con pallone di poco sopra latraversa, poi una battuta di Pogba al 29', e sfera deviata incorner da Xhaka, quindi ancora il francese e palla di pocofuori alla sinistra di Sommer. Con il passare dei minuti ilMoenchengladbach ha nuovamente rialzato il livello di guardiacercando di interrompere con una serie di 'break' veloci lamanovra bianconera, ma per poco al 41' Dominguez non combinavail pasticcio perdendo palla da ultimo uomo e atterrando Morata.Vane le proteste di giocatori e tifosi della Juventus: perl'arbitro Thomson solo cartellino giallo e poco dopo duplicefischio e tutti negli spogliatoi per il riposo. Avvio diripresa con i padroni di casa ancora in spinta alla disperataricerca di un vantaggio che avrebbe potuto mettere una seriaipoteca sulla qualificazione e ospiti chiamati ancora a rapideripartenze e a tentativi di uscita dalla propria meta' campo macon scarsi risultati, complice una difesa bianconera bensistemata in campo. Al 13' e' stato ancora una volta Pogba aprovarci, stavolta su punizione, ma la battuta centrale hatrovato la respinta a pugni chiusi dall'attento Sommer. Pocodopo Allegri ha provato a giocarsi la carta Pereyra al posto diCuadrado trasformando cosi' il 4-4-2 iniziale in un 4-3-1-2 conmaggiore spinta dalla trequarti in avanti. Al 20' contatto inarea tra Mandzukic e Dominquez, con il croato e il pubblico dicasa che hanno chiesto inutilmente il rigore e l'arbitro che halasciato correre. Con i successivi innesti di Zaza e Dybala,Allegri ha provato ulteriormente a rivitalizzare un repartooffensivo che non ha mai realmente messo in difficolta' Sommer,ma a provarci e' stato ripetutamente il solito Pogba, che atratti ha anche spazientito lo Juventus Stadium beccandosi purequalche fischio, e la cosa piu' bella e' venuta fuori dai piedidel 'ruvido' Chiellini, che a sei minuti dalla conclusione haprovato la girata di destro in area trovando pero' ladeviazione in corner di Alvaro Dominguez. Ultimo sussulto diuna sfida che nel complesso e' stata abbastanza deludente,soprattutto per la Juventus che avrebbe potuto e dovutosfruttare meglio il fattore campo. Nell'altro match valido perla 3a giornata del gruppo D della fase a gironi di ChampionsLeague il Manchester City batte 2-1 il Siviglia e si avvicinain classifica alla Juventus. .