Calcio: Verona, Mandorlini "contro la Roma ce la giocheremo"

(AGI) - Roma, 26 set. - "L'Olimpico non ci porta tanto benecome campo, ma al di la' delle assenze che avremo sono moltofiducioso. Siamo convinti di potercela giocare, ogni partita hala sua storia". Andrea Mandorlini si avvicina cosi' aldurissimo appuntamento di domani pomeriggio a Roma contro laformazione di Rudi Garcia. Al di la' della forzadell'avversario, fin qui a punteggio pieno, il tecnico delVerona dovra' affrontare la trasferta con tante defezioni."Rimangono a casa i portieri Rafael e Benussi, mentre in difesanon ci saranno Agostini, Rafa Marquez e Martic. A centrocampo -prosegue

(AGI) - Roma, 26 set. - "L'Olimpico non ci porta tanto benecome campo, ma al di la' delle assenze che avremo sono moltofiducioso. Siamo convinti di potercela giocare, ogni partita hala sua storia". Andrea Mandorlini si avvicina cosi' aldurissimo appuntamento di domani pomeriggio a Roma contro laformazione di Rudi Garcia. Al di la' della forzadell'avversario, fin qui a punteggio pieno, il tecnico delVerona dovra' affrontare la trasferta con tante defezioni."Rimangono a casa i portieri Rafael e Benussi, mentre in difesanon ci saranno Agostini, Rafa Marquez e Martic. A centrocampo -prosegue - dovro' rinunciare ad Hallfredsson, Sala e Lazaros.Con noi ci saranno quattro ragazzi della Primavera, i portieriFerrari e Salvetti insieme a Fares e Cappelluzzo. Se giocheremoa 4 in difesa? Vediamo". Mandorlini comunque non si piangeaddosso: "La rosa e' ampia e gli infortuni sono un problema ditante squadre, con molte partite ravvicinate si corre ilrischio di perdere i calciatori - afferma - mercoledi', controil Genoa, abbiamo giocato una bella partita, a viso aperto, chepotevamo vincere ma anche perdere. Questo e' uno spot per ilcalcio. La Roma e' un avversario dal valore diverso, unasquadra che si e' molto avvicinata alla Juve. Le sfide delloscorso anno? All'andata siamo stati in gara per un'ora, poi unautogol e una magia di Pjanic hanno chiuso la partita. Alritorno potevamo fare meglio, poi hanno concesso un rigore amio avviso scandaloso e la sfida e' stata decisa in quelmomento. Sono stati match storti solo per gli episodi, sabatodovremo stare molto attenti, perche' se concedi degli spazihanno dei campioni che possono risolvere la partita inqualsiasi momento". Manchera' Iturbe, grande ex: "Mi auguro divederlo nello spogliatoio, spero venga a trovarci. Lo consideroun campione ma prima di tutto un figlio", dice Mandorlinidell'argentino. Quanto a Ionita, decisivo nelle ultime duepartite del Verona, l'allenatore gialloblu' spiega: "Ha forza etecnica, siamo molto soddisfatti e si merita le prime paginedei giornali". A guardare i numeri e' una sfida impari: "LaRoma pare quasi imbattibile. Ha vinto 10 partite consecutive loscorso anno, tutte a inizio campionato, e quest'anno e' gia' aquota 4. Si e' rinforzata ancora e lottera' per il titolo conla Juve, credo che nessuna squadra si possa avvicinare. Ancheloro hanno tante assenze ma sono forti, noi siamo tranquilli econsapevoli che ogni partita ha la sua storia, mi auguro dicreargli delle difficolta'". Sara' anche la sfida tra Luca Tonie Francesco Totti, che proprio domani festeggera' 38 anni:"Sono due campioni, lo hanno dimostrato e per restare a questilivelli non bisogna essere bravi solo in campo, ma anche fuori.Totti - sottolinea Mandorlini - e' il vero calciatore bandiera,che ha sempre indossato la maglia della Roma, mentre Luca haperegrinato di piu' mostrando le sue qualita' e segnando intutto il mondo. Totti vuole festeggiare con un gol? Magari lofaremo dopo con una torta (ride, ndr). Non vorreifesteggiamenti durante la partita ma e' un calciatorefantastico". .