Calcio: una doppietta di Pjanic lancia la Roma, 4-2 all'Inter

(AGI) - Roma, 30 nov. - Una doppietta di Pjanic tiene la Romain scia della Juventus e consente ai giallorossi di battere 4-2una buona Inter. Bella partita all'Olimpico con tante emozioni.Giallorossi in vantaggio al 21' con Gervinho, raggiunti pero'al 36' da un bel colpo di testa di Ranocchia. Il primo tempotermina 1-1. Nella ripresa, al 47' capolavoro di Holebas chedopo una cavalcata sulla sinistra lascia partire un missile chenon lascia scampo a Handanovic. Passano dieci minuti e arrivail gol dell'ex, Osvaldo. Ma dopo tre minuti arriva il vantaggiogiallorosso di Pjanic che

(AGI) - Roma, 30 nov. - Una doppietta di Pjanic tiene la Romain scia della Juventus e consente ai giallorossi di battere 4-2una buona Inter. Bella partita all'Olimpico con tante emozioni.Giallorossi in vantaggio al 21' con Gervinho, raggiunti pero'al 36' da un bel colpo di testa di Ranocchia. Il primo tempotermina 1-1. Nella ripresa, al 47' capolavoro di Holebas chedopo una cavalcata sulla sinistra lascia partire un missile chenon lascia scampo a Handanovic. Passano dieci minuti e arrivail gol dell'ex, Osvaldo. Ma dopo tre minuti arriva il vantaggiogiallorosso di Pjanic che chiude i giochi al 92' con unapunizione-capolavoro. La Roma va a 31 punti e tiene il passodella capolista Juve a 34, mentre l'Inter di Mancini restaall'unidicesimo posto a 17 punti. Ai nerazzurri, che eranoriusciti a pareggiare prima con Ranocchia e poi con Osvaldo,resta il convincimento di aver comunque cambiato marcia conMancini. Senza gli indisponibili Castan, Torosidis eBalzaretti, Garcia tiene in panchina De Rossi per affidarsi, inmezzo al campo, a Keita; torna l'ex Maicon sul suo out dicompetenza, il tridente e' composto da Gervinho, Totti eLjajic. Mancini, gia' privo di onathan, Vidic, Hernanes eNagatomo, ha Kovacic non al meglio, si affida a Campagnaro indifesa, ai piedi di Guarin, alla voglia di riscatto degli exDodo' e Osvaldo e al desiderio di sbloccarsi di Palacio. Lagara offre subito un buon ritmo ed e' la Roma, dopo 19 minuti,a farsi vedere con un destro di Ljajic che impegna Handanovic.I giallorossi sembrano in grado di sfondare e infatti, al 21',passano in vantaggio con Gervinho, che ritrova il golfinalizzando al meglio un assist al bacio di Ljajic. L'Internon resta a guardare e, al 25', costringe De Sanctis arifugiarsi in corner per dire no a Kuzmanovic. Sono pero'ancora i padroni di casa a farsi minacciosi: al 28' Nainggolan,su un pallone perso da M'Vila, non centra lo specchio, al 34'Ljajic e Gervinho replicano la precedente prodezza ma stavoltal'ivoriano e' in fuorigioco. Al 36' i nerazzurri, comunquecapaci sempre di tenere in apprensione i difensori capitolinisoprattutto con Osvaldo, pescano il pari con un'incornatavincente di Ranocchia, direttamente da corner. Gervinho restail piu' pericoloso tra i romanisti: al 39' e' fermato solo daun gran recupero di Ranocchia, al 41' serve Ljajic ma il serbotrova la respinta di Medel. Osvaldo e' generoso ma non semprelucido, e cosi' la prima frazione si chiude sull'1-1. In avviodi ripresa, sotto una pioggia sempre piu' battente, Roma dinuovo avanti con una splendida giocata di Holebas, che saltacome birilli Campagnaro e Ranocchia per poi batterel'incolpevole Handanovic. E' ancora Osvaldo, all'8', a farsiapprezzare per uno stop al volo con acrobazia che altro non e'che la prova generale per il suo pari.L'italo-brasiliano, anchepungolato dai fischi, porta l'Inter sul 2-2 al 12' sfruttandola deviazione decisiva di Astori. I giallorossi non sideprimono e, dopo una parata sicura di Handanovic suNainggolan, vanno sul 3-2 con Pjanic, abile a raccogliere unpassaggio all'indietro di Totti. Un gol non digeritodall'Inter, che lamenta un presunto fallo di Holebas su Guarin:Mancini si infuria e viene espulso. De Sanctis, al 22', siallunga per mettere in corner un tiro velenoso di Medel, Pjanicpoco dopo chiede inutilmente un penalty a Mazzoleni. I neoentrati Kovacic e Iturbe, per due volte, provano a lasciare ilsegno ma e' ancora Pjanic, con una superlativa punizione nelrecupero, a fissare lo score sul definitivo 4-2. (AGI).