Calcio: Parma-Lazio 1-2, biancocelesti sfruttano demeriti altrui

(AGI) - Parma, 7 dic. - Una Lazio ancora convalescente dopo gliultimi risultati negativi riesce comunque a far sua, piu' perdemeriti altrui che per il gioco brillante, la sfida delTardini contro il Parma. Ci riesce nel giorno dell'improvvisacessione del club di Ghirardi (solo nei tempi, perche' le vocicircolavano da tempo) con Mauri e Felipe Anderson che ribaltanoil vantaggio di Palladino. Vuoi per il pressing alto ordinatoda Donadoni e Pioli, vuoi per i tanti errori nel fraseggio e ledistrazioni difensive, il primo tempo del Tardini e'equilibrato e frizzante. In sequenza si contano

(AGI) - Parma, 7 dic. - Una Lazio ancora convalescente dopo gliultimi risultati negativi riesce comunque a far sua, piu' perdemeriti altrui che per il gioco brillante, la sfida delTardini contro il Parma. Ci riesce nel giorno dell'improvvisacessione del club di Ghirardi (solo nei tempi, perche' le vocicircolavano da tempo) con Mauri e Felipe Anderson che ribaltanoil vantaggio di Palladino. Vuoi per il pressing alto ordinatoda Donadoni e Pioli, vuoi per i tanti errori nel fraseggio e ledistrazioni difensive, il primo tempo del Tardini e'equilibrato e frizzante. In sequenza si contano una traversaper parte (punizione pennellata di Biglia, tocco in spaccata diCosta su tiro cross di Lucarelli), un salvataggio sulla lineasu De Vrij cui risponde Rispoli di testa ma soprattutto unarete ingiustamente annullata a Gobbi al 10': servizio diPalladino per Cassano, cross basso al centro per il terzino chetutto solo corregge in rete. Guida fischia il fuorigioco ma siaFantantonio sia Gobbi (quest'ultimo di almeno un metro) partonoda posizione regolare. Al 34' Braahfeid, nel tentativo di contrastare un cross diRispoli, si fa male ed e' costretto a uscire in barella.L'infortunio dell'olandese sembra serio. Al 41' altro errore diGuida: Djordjevic, lanciato in campo aperto, viene fermato perfuorigioco ma il tocco decisivo e' di un ducale. Quando ilprimo tempo sembra avviato a chiudersi sullo 0-0 ecco il bottae risposta che accende il match: al 45' traversone diSantacroce e perfetta incornata di Palladino sulla qualeMarchetti non puo' arrivare. A tempo scaduto immediato pareggiobiancoceleste con Mauri che spizza con la fronte un belpallonetto di testa di Biglia su respinta corta di Iacobucci.Grandi proteste in casa ducale per i 24 secondi di recupero inpiu' ma stavolta la decisione dell'arbitro ci puo' stare. Laripresa si apre con una gran parata di Iacobucci che sidistende con prontezza sul diagonale di Lulic dalla destra. Al10' azione tambureggiante di Gobbi che si infila tra Basta e DeVrij e serve Jose' Mauri, l'italo-argentino strozza troppo ildiagonale e il pallone finisce a lato di un soffio. Il Parmapressa alla ricerca del nuovo vantaggio ma nel suo momentomigliore patisce l'ennesima, imbarazzante topica difensiva diquesta disgraziata stagione. Iacobucci, invece di rinviare,passa il pallone all'ultimo uomo Gobbi pressato da Djordjevic,che glielo soffia e serve al centro il solissimo FelipeAnderson. Il brasiliano non puo' sbagliare, primo gol in SerieA per lui. La squadra di casa, anche per i cambi di Donadoni,perde un po' la bussola e la reazione stenta ad arrivare. Igiocatori sembrano rassegnati e la partita scivola inesorabileverso la decima sconfitta in undici partite, la dodicesimaquest'anno. (AGI).