Calcio: Nazionale. Conte, "visti come fastidio"

(AGI) - Roma, 18 nov. - "Tutti dicono che il momento e'difficile, che bisogna cambiare, ma popi mi giro e vedo chesono solo". Cosi' Antonio Conte nella conferenza stampa delpost Italia-Albania. Un ct molto teso che ha lanciato diversiappelli, denunciando una "mancanza di attenzione nei nostriconfronti, la Nazionale viene vista solo come un fastidio.Sento chiacchiere ma mi chiedo quando avremo tutti amore versoquesta squadra. Bisogna capire il momento, io piu' di lavorarenon posso fare, la stessa cosa fanno i ragazzi, cerchiamo difare il massimo in 7-8-9 giorni e qualcuno storce pure

(AGI) - Roma, 18 nov. - "Tutti dicono che il momento e'difficile, che bisogna cambiare, ma popi mi giro e vedo chesono solo". Cosi' Antonio Conte nella conferenza stampa delpost Italia-Albania. Un ct molto teso che ha lanciato diversiappelli, denunciando una "mancanza di attenzione nei nostriconfronti, la Nazionale viene vista solo come un fastidio.Sento chiacchiere ma mi chiedo quando avremo tutti amore versoquesta squadra. Bisogna capire il momento, io piu' di lavorarenon posso fare, la stessa cosa fanno i ragazzi, cerchiamo difare il massimo in 7-8-9 giorni e qualcuno storce pure ilnaso". Conte sbotta all'ennesima domanda su Mario Balotelli."Balotelli? Dobbiamo ancora parlare di Balotelli? Dire se va indiscoteca o meno con tutti i problemi che ha il calcioitaliano? Lo trovo ridicolo e assurdo. Io sto cercando didifendere un prodotto che sta andando in estinzione e qui sicontinua a parlaare di Balotelli, voi non volete capire ne'vedere alcune cose, a parole si dice facciamo questo e facciamoquello e dico queste cose dopo 5 vittorie e un pareggio, mainizio a stancarmi. Continuo a sentire faremo questo e faremoquell'altro, io voglio i fatti. Per adesso e' cambiatol'allenatore della Nazionale, ma non i problemi del calcioitaliano, io non sono venuto qui per perdere tempo. La Figc stacercando di fare un qualcosa di positivo per cercare dicrescere a livello italiano, mi aspetto questo, la mia e' unapietra lanciata, chi vuole capire, capisca". (AGI)