Calcio: Juve. Agnelli "gap con big d'Europa rimane elevato"

(AGI) - Torino, 2 ott. - Una lunga lettera agli azionisti nellarelazione finanziaria annuale. Il presidente della Juventusparla del bilancio approvato lo scorso 23 settembre, ma nel suodiscorso affronta anche questioni prettamente calcistiche, dalgap tecnico con le grandi d'Europa da colmare al nuovo corsotargato Allegri, il tecnico che ha preso il posto di Conte eche Andrea Agnelli definisce "un vincente". Il numero 1 delclub bianconero sottolinea i risultati ottenuti e parla di"sfide da affrontare nei prossimi anni ancora piu' impegnative.Se in Italia, infatti, il ritorno alla competitivita' e'sancito da questo

(AGI) - Torino, 2 ott. - Una lunga lettera agli azionisti nellarelazione finanziaria annuale. Il presidente della Juventusparla del bilancio approvato lo scorso 23 settembre, ma nel suodiscorso affronta anche questioni prettamente calcistiche, dalgap tecnico con le grandi d'Europa da colmare al nuovo corsotargato Allegri, il tecnico che ha preso il posto di Conte eche Andrea Agnelli definisce "un vincente". Il numero 1 delclub bianconero sottolinea i risultati ottenuti e parla di"sfide da affrontare nei prossimi anni ancora piu' impegnative.Se in Italia, infatti, il ritorno alla competitivita' e'sancito da questo bilancio e da una striscia storica di trescudetti consecutivi, i fondamentali economici dei competitorinternazionali ci mettono di fronte a una realta' evidente: ilgap con i migliori club europei rimane elevato e il divario varidotto per permetterci di aspirare a risultati in linea con lanostra storia internazionale", scrive Agnelli che considera "iprossimi anni cruciali sia sotto il profilo sportivo sia per lasostenibilita' del 'modello Juventus'. Il rinnovo dell'accordocon Jeep fino al 2021, la nuova partnership di sei anni conadidas, lo sviluppo immobiliare nell'area della Continassa chevedra' sorgere la nuova sede e il nuovo centro di allenamentodella prima squadra, gli importanti investimenti nel settoregiovanile, dalla riconversione in Academy del centro di Vinovoalla massima attenzione ai talenti emergenti, il continuosviluppo dei digital media e la proficua partecipazione in senoagli organismi internazionali European Club Associations (ECA)e Union des Associations Europe'ennes Football (UEFA), cidicono che la Juventus e' ben posizionata per continuare nelsuo percorso di sviluppo virtuoso in Italia, pur consapevoli didover continuare a perseguire ogni attivita', ancheinesplorata". Per Agnelli e' fondamentale ritrovare unaJuventus competitiva al massimo anche in Europa. "Per quantoriguarda l'espansione internazionale, le strutture dellaJuventus sanno che cruciale e' l'internazionalizzazione delnostro brand. In primis, una costante competitivita' nellecoppe europee, sia in Champions League che in Europa League.Tuttavia per acquisire una reale dimensione sportiva ecommerciale internazionale sono fondamentali alcuni fattori,purtroppo non tutti da noi direttamente controllabili. I limitidel sistema - scrive Agnelli - stanno gia' circoscrivendoalcune importanti opportunita' di sviluppo. Sulla nostrastrada, in questi quattro anni, abbiamo potuto avvalerci digrandi professionalita': Giuseppe Marotta e Aldo Mazziarappresentano i vertici di questo club, che ha nei suoiorganici persone di grande qualita', Fabio Paratici, PavelNedved e Francesco Calvo su tutti, che perseguono con tenaciagli obiettivi della societa'". Poi il capitolo allenatori:"Antonio Conte, cui va il ringraziamento di tutti, ha decisoper se' un nuovo percorso professionale. Il nostro impegno e'oggi a sostegno di un nuovo allenatore: Massimiliano Allegri,un vincente, che ha gia' portato tra noi nuova passione e unnuovo desiderio di sfidare tutto e tutti". .