Calcio: Inter, Mancini sogna scudetto "Juve non e' cosi' lontana"

(AGI) - Appiano Gentile, 3 lug. - Vietato nascondersi. RobertoMancini lascia spazio all'entusiasmo per un'Inter che staprendendo forma a sua immagine e somiglianza. Gli arrivi diKondogbia ("dopo Toure' e Iniesta c'e' lui"), Murillo, Montoyae Miranda, quello probabile di un centrocampista (Felipe Melo oMario Suarez) e i sogni Salah, Jovetic e Perisic hannocontagiato anche il tecnico jesino, pronto a cominciare lanuova stagione con un obiettivo ben chiaro: lo scudetto."Perche' siamo l'Inter e perche' la Juventus, dopo gli addii diPirlo e Tevez, non e' poi cosi' lontana", esordisce Mancininell'affollata sala stampa della

(AGI) - Appiano Gentile, 3 lug. - Vietato nascondersi. RobertoMancini lascia spazio all'entusiasmo per un'Inter che staprendendo forma a sua immagine e somiglianza. Gli arrivi diKondogbia ("dopo Toure' e Iniesta c'e' lui"), Murillo, Montoyae Miranda, quello probabile di un centrocampista (Felipe Melo oMario Suarez) e i sogni Salah, Jovetic e Perisic hannocontagiato anche il tecnico jesino, pronto a cominciare lanuova stagione con un obiettivo ben chiaro: lo scudetto."Perche' siamo l'Inter e perche' la Juventus, dopo gli addii diPirlo e Tevez, non e' poi cosi' lontana", esordisce Mancininell'affollata sala stampa della Pinetina, dove si aggiungera'in corso di conferenza anche Erick Thohir ("Non nascondiamograndi ambizioni, ora tocca ai giocatori", dice). Alpresidente, Mancini non ha alcuna richiesta ulteriore da fare("Ha fatto gia' grandi sforzi e penso ne fara' altri"), maancora qualche tassello manca, quello e' innegabile. Servira'del tempo per capire chi approdera' ancora alla sua corte:"Jovetic e' del Manchester City, Perisic e' del Wolfsburg,Salah non si sa di chi sia...Io non ho la minima idea, non homai parlato con Salah, ho finito il credito. So che Perisic e'una trattativa tra Inter e Wolfsburg, ma non so se per Jovetice' iniziata questa trattativa: sono sicuramente dei giocatoribravi". La fiducia di Mancini va oltre gli acquisti gia' fattie cosi' l'ex Manchester City non si nasconde e fissal'obiettivo tricolore: "Credo che la strada sia quella giusta ecredo che gli obiettivi prefissati prima del mercato sono statiraggiunti: quindi credo che ci siamo - premette - Siamo l'Intere l'obiettivo e' sempre il massimo, e quindi e' quello li': noinon partiamo in testa, prima di noi c'e' la Juventus, non credoche il gap sia cosi' enorme, e forse all'inizio qualcosa laJuve perdera', speriamo che perderanno qualcosa diimportante...". Poi, certo, "e' sempre il campo che da' il giudizio finale.Io sono contento perche' sono rimasti in tanti dell'annoscorso, ma non potremo tenere tutti perche' c'e' una rosa dimassimo 25 giocatori a disposizione e noi siamo oltre 30",osserva il Mancio che parla cosi' delle possibili partenze diSanton, Shaqiri e Kovacic, richiestissimi in Inghilterra."Davide e Xherdan li abbiamo presi a gennaio e quindi cicrediamo, ma purtroppo quest'anno ci sono delle restrizioni eseppure a malincuore qualcosa dovremo fare". Quanto a Kovacic,Mancini sottolinea che il croato "e' un giocatore dell'Inter,e' qua, arrivera' tra qualche giorno, e' un grandissimogiocatore su cui noi facciamo affidamento. Nagatomo via? Almomento. E non sono preoccupato del mancato rinnovo diHandanovic". Non e' arrivato Yaya Toure' "ma credo cheKondogbia sia proprio dietro lui e Iniesta, due mostri sacri".E a proposito dell'ivoriano, suo ex giocatore al ManchesterCity, Mancini Toure', che ha deciso in extremis di restare alManchester City rivela che "voglio bene a Yaya', ma non gli homai parlato perche' mi ha sempre detto, tramite sms, 'ti chiamoio' ma non l'ha mai fatto... Qualcuno sopra di lui l'haconvinto a non andare via, resta un grandissimo giocatore e perme qualcosa di particolare". Qualche parola anche sul nodocapitano, intricato visto che Ranocchia, visti gli arrivi diMurillo e Miranda, potrebbe scivolare in panchina: "SeRanocchia giochera' benissimo sara' titolare e capitano.Vedremo quale sara' la soluzione migliore per la squadra,decidero' io". In chiusura, Mancini dispensa sorrisi anche perSinisa Mihajlovic, l'amico che e' andato a sedersi sullapanchina del Milan: "Sono felice per Sinisa. Il Milan preso ungrande allenatore, sono contento che Milan e Inter sianoprotagoniste del prossimo campionato, anche il Milan stafacendo cose buone. Mi fa piacere trovarlo da avversario, speroche faccia bene ma che arrivi dopo di noi...". Il derby e' gia'iniziato. (AGI).