Calcio: Gasperini, il Genoa punta in alto

(AGI) - Roma, 7 dic. - "Abbiamo la consapevolezza che in certitipi di partite riusciamo a esaltarci, fare cose importanti edare soddisfazioni al nostro pubbloico. E' il Genoa migliore, ipunti che abbiamo fatto sono tutti meritati". Cosi' Gian PieroGasperini esalta il suo Genoa, capace di battere anche il Milane salire al terzo posto solitario con 26 punti. "Parlare disalvezza con 26 puti e a 4 giornate dalla fine del gironed'andata...Se non sveniamo tutti quanti i punti li facciamo -sorride il tecnico del Genoa ai microfoni di Sky Sport -. Nonci possiamo

(AGI) - Roma, 7 dic. - "Abbiamo la consapevolezza che in certitipi di partite riusciamo a esaltarci, fare cose importanti edare soddisfazioni al nostro pubbloico. E' il Genoa migliore, ipunti che abbiamo fatto sono tutti meritati". Cosi' Gian PieroGasperini esalta il suo Genoa, capace di battere anche il Milane salire al terzo posto solitario con 26 punti. "Parlare disalvezza con 26 puti e a 4 giornate dalla fine del gironed'andata...Se non sveniamo tutti quanti i punti li facciamo -sorride il tecnico del Genoa ai microfoni di Sky Sport -. Nonci possiamo porre obiettivi, ci sono tante squadre attrezzate,poi c'e' il mercato di gennaio, noi comunque cercheremo dicontinuare questa striscia". Poi Gasperini si lascia andare un po', ricordando quando,qualche anno fa, il Genoa arrivo' quarto al pari dellaFiorentina, mancando la Champions per una questione di scontridiretti: "Forse meritavamo piu' noi. Abbiamo fatto 68 punti, inquel Genoa c'erano Milito e Motta ed era un altro campionato,ma questa e' una squadra che, sotto l'aspetto della coralita'di gioco e di rosa e' forse piu' completa. Vedremo a finecampionato se sara' piu' forte o meno. Quello fu un campionatoirripetibile".Contro il Milan, oggi, un Genoa pressoche'perfetto, tranne dopo il gol di Antonelli: "C'e' stato unmomento di esaltazione dove e' venuta fuori l'adrenalina,anziche' giocare insieme abbiamo iniziato a giocare un po'individualmente, forse per la tanta carica che avevano iragazzi. Ma e' stato un attimo, oggi per il Milan e' statodifficile". Gasperini analizza poi le prestazioni di alcunisingoli: "Sturaro? E' un giocatore importante e molto giovane,venuto fuori l'anno scorso. Sta continuando a crescere e hamolti margini specie tecnicamente, ma e' un giocatore dalledoti importanti". Quanto a Perotti, l'allenatore rossoblu' non ha dubbi: "E'un giocatore da grande squadra, aveva una valutazioneimportante un paio d'anni fa in una squadra importante come ilSiviglia, poi ha avuto un paio di stagioni difficili anche pergli infortuni e ora che sta bene e' al livello di un grandegiocatore, in Italia e' tra i migliori nel suo ruolo, anche alivello europeo. Sa giocare a calcio, sa attaccare e difendere,vede il gioco, salta l'uomo, difende la palla, e' un giocatoreche siamo andati a trovarlo a condizioni di saldi e ce lo siamoaccaparrati. Ti fa fare il salto qualita', oltre al gioco cisono valori individuali importanti". Infine Bertolacci: "Ha 23anni, e' ancora molto giovane. Quando sono arrivato era pocodefinito nel ruolo, ora sta proprio lievitando comepersonalita', ma non e' solo lui". (AGI).