Pari 1-1 a Foggia, il Pisa torna in B dopo 7 anni

Foggia - Il Pisa dopo 7 anni torna in serie B. Al Zaccheria si è chiusa sull'1-1 la finale di ritorno dei play-off di Lega Pro con il Foggia, con i toscani che, forti del 4-2 casalingo dell'andata, staccano l'ultimo biglietto per la promozione nella serie cadetta. Un match sempre molto nervoso, fin dai minuti che hanno preceduto il fischio d'avvio e che, al 20' della ripresa ha avuto il suo punto di minore sportivita' con il lancio di una bottiglietta che ha colpito alla testa l'allenatore ospite Rino Gattuso, che si e' accasciato a terra, e pochi secondi dopo, con l'invasione di campo di una trentina di tifosi foggiani che non hanno trovato nessun componente delle forse dell'ordine a fargli da argine. Gara ripresa dopo circa una dozzina di minuti con l'espulsione dei due tecnici, De Zerbi e Gattuso. Padroni di casa pericolosi in due occasioni nel giro di un minuto. Al 21', corner di Sarno e girata di prima intenzione di Agnelli, ma Bindi e' pronto. Il portiere pisano si ripete poco dopo su una girata da pochi passi di Iemmello. Il Pisa si fa vedere al 32': sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Mannini, Crescenzi prolunga di testa verso il centro, ma Micale e' bravo ad anticipare Cani. In chiusura di primi tempo, cross dalla sinistra di Chirico' per Iemmello che, pero', ostacolato da Lisuzzo, calcia alto sopra la traversa. Si va al riposo sul nulla di fatto. Al 2' della ripresa il Foggia protesta per un presunto fallo di mano di in area di Golubovic sul tiro di Iemmello. All'8' e' il palo a dire di no a Vacca per il vantaggio dei padroni di casa. Al 19', Iemmello spreca una ghiotta occasione sparando addosso a Bindi. Un minuto piu' tardi lancio di oggetti in campo con Gattuso che cade a terra colpito da una bottiglietta.

Quindi l'ingresso in campo di una trentina di tifosi pugliesi. Match sospeso e tanta confusione sul campo dello Zaccheria, con le forze dell'ordine che arrivano con ritardo per riportare tutto alla normalita'. Il tecnico del Foggia va sotto la curva per chiedere ai tifosi rossoneri di placarsi per consentire la ripresa della partita. Dopo una dozzina di minuti nuovo fischio di ripresa dell'arbitro Piccinini che pero', prima, mostra il cartellino rosso ad entrambi i tecnici. Alla mezz'ora, contropiede di Peralta che serve Eusepi, ma la sua conclusione e' troppo debole e finisce facile preda di Micale. Problema alla caviglia sinistra per il pisano Tabanelli, che lascia il campo in barella, sostituito da Ricci. Al 42', pero', fallo da rigore di Di Tacchio e Iemmello (37^ gol stagionale) dagli undici metri non sbaglia. Ma l'assalto finale dei rossoneri e' infruttuoso, il Pisa sigla addirittura il pari con Eusepi in pieno recupero e festeggia cosi' la promozione in serie B. (AGI)