Calcio: debutto vincente per la nazionale femminile ai Mondiali, 2-1 all'Australia

Le 'Matildas' passano in vantaggio nel primo tempo. La rimonta è frutto di una doppietta di Bonansea

nazionale calcio femminile

Esordio da sogno per le Azzurre ai Mondiali di calcio femminile: allo Stade de Hainaut di Valenciennes le ragazze di Milena Bertolini iniziano in difficoltà, andando sotto di un goal contro l'Australia nel primo tempo, ma nel secondo rimontano trascinate dalla bomber Barbara Bonansea, che sigla il gol vittoria al quinto minuto di recupero. L'attaccante della Juventus aveva pareggiato al 56esimo.

Dopo la mancata qualificazione degli Azzurri ai Mondiali di calcio di Russia 2018, molta attenzione si è focalizzata sulle ragazze del calcio che, al contrario, sono riuscite a qualificarsi dopo 20 anni di assenza. Nel 1999 l'Italia femminile venne eliminata nel girone, dove arrivò terza alle spalle di Brasile e Germania. Nel 1991, invece, le Azzurre riuscirono a raggiungere i quarti di finale trainati dalla bomber Carolina Morace, una delle figure più rappresentative della storia del calcio femminile italiano, dove vennero eliminate ai tempi supplementari dalla Norvegia.

Chi è Barbara Bonansea, protagonista della vittoria

Protagonista è stata senza dubbio Barbara Bonansea. Nata a Pinerolo, in Piemonte, il 13 giugno 1991, festeggerà il compleanno in Francia alla vigilia della sfida contro la Giamaica che, se vinta, garantirebbe il passaggio del turno. A metà tra centrocampo e attacco, è la stella della Nazionale italiana, la calciatrice più talentuosa e più attesa tra le Azzurre.

Cresciuta nel Torino prima di cambiare sponda e affermarsi nella Juventus: in maglia granata disputa sei stagioni, poi va al Brescia dove vince due scudetti e due Coppe Italia. A luglio 2017 va alla Juventus e si laurea altre due volte campionessa d'Italia. In maglia azzurra disputa 57 gare segnando 22 reti. Attivissima sui social network, su Twitter ha 84mila follower. "Ai maschi invidio i diritti più che lo stipendio", disse una volta spiegando che "dovessi rimanere incinta io sarei a casa e il fatto di non potersi allenare da professioniste porta un abbassamento del livello".

In passato ha ricevuto, e rifiutato, contratti importanti dalla Cina, ma l'amore per la Juventus l'ha convinta a rimanere sotto la Mole. Il prossimo appuntamento per le Azzurre sarà adesso il prossimo 14 giugno, quando se la vedranno con le ragazze della Giamaica allo stadio Auguste Delaune di Reims.

Bertolini: "Seguiteci, andremo lontano"

"Siamo partite male" ha detto a Sky la ct -. Nel secondo tempo siamo andate meglio, aiutate anche da un pizzico di fortuna. Con ragazze così, andremo lontano. E a tutti gli italiani che ci sono stati vicini, dico di seguirci anche alla prossima".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.