Su Twitter Napoli-Juve è già cominciata ed è una partita molto accesa

Prima il selfie pacificatore di Matteo Salvini con Insigne e Calleon rifiutato dalla tifoseria, poi il diluvio di sfottò su Twitter. Il San Paolo è già una bolgia

Su Twitter Napoli-Juve è già cominciata ed è una partita molto accesa

Manca pochissimo alla sfida più attesa. Napoli e Juventus si sfideranno in un’atmosfera caldissima, uno stadio che ribolle entusiasmo e con la consapevolezza che una sconfitta potrebbe cambiare questo campionato. Non per i tre punti in palio, che comunque contano, ma per il significato del match, anche fuori dal campo, e le conseguenze psicologiche potrebbe avere nel proseguo della stagione. Ma andiamo con ordine, anzi per temi.

Salvini, il selfie e le scuse rifiutate

Il Napoli non perdona Matteo Salvini. Dopo le polemiche seguite al selfie scattato giovedi' sera dal leader leghista con Insigne, Callejon e il vicepresidente degli azzurri, Edoardo De Laurentiis, il club ha precisato la sua posizione su Twitter: "Per una questione di educazione abbiamo incontrato e ascoltato ieri sera Matteo Salvini che soggiornava nel nostro albergo", e' stata la spiegazione, "Salvini voleva porgere le sue scuse per le dichiarazioni contro i napoletani fatte in passato. Non le abbiamo accettate ma lo abbiamo ascoltato volentieri".

Molti tifosi del Napoli avevano protestato dopo la pubblicazione del selfie. A Salvini vengono rimproverati i passati attacchi ai napoletani, compreso il coro intonato nel 2009 a Pontida. "Senti che puzza", aveva cantato insieme ad altri militanti della Lega Nord, "scappano anche i cani, stanno arrivando i napoletani". Un coro per il quale aveva chiesto già scusa in passato, derubricandolo a goliardia da stadio. Tra l’altro Salvini è persino milanista ma  in vista del 2018 quello che conta, ora, almeno per lui, non è all’interno di un campo di calcio.

L’operazione e gli haters

Scenderà in campo o no? Giocherà o no? Il Pipita vuole esserci e dopo l’operazione alla mano farà di tutto per convincere Allegri. La cosa più importante, senza essere tifosi, è schierarsi contro gli haters e chi augura le peggiori disgrazie per un cambio di squadra.

Sarà una vera “guerra” sportiva

C’è chi immagina che l’accoglienza per Higuain e la Juve non sarà semplice. Ma a Torino hanno provveduto rafforzando il bus. 

L’accoglienza, quella vera

Ma le bottiglie si possono ancora portare allo stadio?

Quanto costa un caffè al Napoli?

Chi suona alla porta?

Allentiamo la tensione. In fondo siamo già immersi nel clima natalizio no?

Nel presepe, con la mano rotta

Mancano 25 giorni a Natale ed è tempo di fare il presepe. Anche con statuetta nuove. Come questa.

Solidarietà napoletana

Il Gomblotto

Come si è fatto male Higuain?

Non si può dire, come nelle migliori tradizioni

La frecciata

Tutti l’abbiamo pensata. Qualcuno l’ha scritta. La battuta che tutti si aspettavano.

A volte basta poco per fare pace

Mi sa, però, che bisognerà suggellare la tregua tra Higuain e i napoletani in un altro modo

Chi non salta è bianconero!

Il prossimo vincitore di Sanremo

Il trailer

Qualcuno lo ha fatto davvero. Napoli-Juve come fosse un film, con tanto di trailer. Il modo giusto per augurare buon match a tutti. Anche da parte nostra.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it