Chievo corsaro a Pescara, vince 2-0 e vola in alto

 La squadra si Maran è momentaneamente al terzo posto con 13 punti. Gli abruzzesi di Oddo restano a quota 7

Chievo corsaro a Pescara, vince 2-0 e vola in alto
 rolando maran (afp)

(AGI) - Roma, 1 ott. - I gol di Meggiorini al 76^ e il raddoppio di Inglese all'85^, decidono l'anticipo della settima giornata di Serie A. Il Chievo si impone 2-0 a Pescara e vola momentaneamente al terzo posto con 13 punti. Gli abruzzesi di Oddo restano a quota 7. Solido, lucido ed efficace. Il Chievo si conferma squadra di tutto rispetto e vince 2-0 all'Adriatico, complicando la vita a Massimo Oddo e al suo Pescara. Decidono le reti di Meggiorini e Inglese nell'ultimo quarto d'ora di gara, brutto colpo per gli abruzzesi che, pero', escono tra gli applausi dei tifosi e non e' una cosa da poco. L'avvio e' tutto di marca clivense. La squadra di Maran dimostra, una volta di piu', di avere carattere e personalita' e parte subito con il piede sull'acceleratore. In attacco c'e' Floro Flores al fianco di Inglese, ma nei primi 10 minuti la difesa abruzzese stenta soprattutto sui calci d'angolo che gli ospiti conquistano. Per due volte Spolli e in un'occasione Castro, possono concludere pericolosamente a rete di testa. Non e' il solito Pescara, la squadra di Oddo non offre le solite buone trame di gioco, ma con il passar dei minuti cresce e si sveglia definitivamente solo quando, dopo un errore di Biraghi, Floro Flores e Castro partono in contropiede: un 2-1 contro uno, sprecato malamente con il destro dell'ex Catania che finisce tra le braccia di Bizzarri. I biancazzurri cominciano a trovare le geometrie giuste e al 14^ creano la migliore occasione da gol del primo tempo: bel lancio di Verre per Manaj e gran destro di prima intenzione che esalta i riflessi di Sorrentino, bravo a salvarsi in angolo e poi, in una seconda occasione, a bloccare a terra la conclusione di Caprari. Adesso e' il Pescara che fa la partita, Memushaj e Brugman (preferito ad Aquilani) aumentano il ritmo e il primo ci prova con una bella iniziativa personale, conclusa con un destro largo. Il Chievo, pero', e' sempre vivo e pronto ad approfittare delle distrazioni dei padroni di casa che, al 37^, rischiano sul sinistro di Inglese.Nessun cambio nella ripresa, ma Pescara questa volta determinato a non sbagliare l'approccio e subito propositivo. In difesa, pero', i veneti sono solidi e riescono sempre a proteggere Sorrentino.Nessuna chiara occasione da gol, un tiro dalla distanza di Benali, tanti angoli e un paio di cross insidiosi dal fondo per gli abruzzesi. Maran al 18^ inserisce Meggiorini per Floro Flores, Oddo risponde con Mitrita per Manaj, toccato duro pochi minuti prima. La mossa giusta e' quella di Maran, visto che Meggiorini, dopo una palla persa da Memushaj, al 31^ sblocca il risultato dribblando Bizzarri e mettendo dentro l'assist di Birsa. E' una mazzata per il Pescara che non riesce a reagire, che si butta in avanti alla ricerca del pareggio, ma che apre enormi spazi al contropiede del Chievo che, all'85^, chiude la partita con il raddoppio di Inglese, servito da Castro. Nel finale gol annullato per fuorigioco a Campagnaro. Secca vittoria per il Chievo che si gode, almeno per qualche ora, il terzo posto alle spalle di Juve e Napoli. Per il Pescara momento difficile e se il Sassuolo vincera' il ricorso sulla sconfitta a tavolino, la classifica comincera' a farsi preoccuopante. .