Benatia alla Juve, Bacca e Pogba seminano dubbi

Roma - C'è il rischio di perdere due pilastri come Bonucci e Pogba? Nessun problema, la Juventus avanza come un rullo compressore sul mercato e, dopo Pjanic e Dani Alves, mette a segno un altro colpo di grande livello: Benatia andrà a rinforzare quella che è una delle difese migliori d'Europa, il marocchino ex Roma ha effettuato oggi le visite mediche prima di mettersi a disposizione di Allegri. Benatia arriva per complessivi 20 milioni dal Bayern e pur di andare alla Juve ha accettato una sensibile riduzione dell'ingaggio.

Adesso l'obiettivo di Marotta, in attesa di trovare un degno erede di Morata (i 20 milioni offerti per Gabigol al momento non soddisfano le richieste del Santos), è quello di chiudere con la Dinamo Zagabria per Pjaca prima di partire per l'Australia. Un mercato in primissima linea per la Juventus (c'è un'offerta dello Stoke City per Lemina) anche se c'è ancora da capire cosa faranno, come detto, Bonucci e Pogba. Se il Manchester City pare avere allentato la presa per il centrale azzurro (Guardiola guarda ora a Stones e Lucas Hernandez), lo United non molla - a differenza del Real Madrid - la presa per Pogba. Che ha rotto il silenzio durante le sue vacanze americane per dire che "il Manchester United è stata la mia prima famiglia. Se chiama Mourinho? Per il momento sono alla Juve e sono felice alla Juve, non so cosa succedera'".

Semina dubbi Pogba, lo fa in maniera ancora più chiara Bacca: "Tutti sappiamo che ho un contratto col Milan per 4 anni - sottolinea il colombiano - ci sono offerte e interessi di club dall'Inghilterra, dalla Spagna, dall'Italia, dalla Francia e dalla Germania. Non è facile prendere una decisione ma siamo tranquilli, il mio agente è in contatto con questi club e col Milan". Bacca cerca una squadra da Champions, questo escluderebbe il West Ham e piazzerebbe l'Atletico Madrid come favorito. Resta il mistero delle big italiane interessate. Il Napoli? Chissà...

Mancini non molla la pista Touré: "Rimango convinto che sia uno dei migliori centrocampisti al mondo, uno che in Italia non hanno mai visto. Quelli lo giudicano sulla base della semifinale di Champions dell'anno scorso, dove era un po' giu' di condizione, di calcio non capiscono niente", dice secco il tecnico dell'Inter. Che presto potrebbe ricevere in dono Joao Mario: Suning è allo sprint con il talento dello Sporting Lisbona, il mercato in Cina si chiude domani e l'obiettivo è quello di acquistare il portoghese per lo Jiangsu e quindi girarlo in prestito ai nerazzurri. Voci su Cuadrado, torna alla ribalta Candreva. Intanto il procuratore di Keita assicura: "Non va da nessuno parte, stiamo cercando di risolvere la situazione con grande serenita' con Lotito e la risolveremo al piu' presto, e' giusto che sia cosi'".

Gentiletti vicino al Genoa. Giaccherini al Napoli, siamo alle firme. La conferma arriva dall'agente del centrocampista della Nazionale, Valcareggi, ammettendo che "avevamo un accordo con il Torino ma poi e' arrivato il Napoli. Cairo e' una persona di altissimo livello e pure se non condivide la nostra scelta la capira', perche' la carriera del calciatore e' breve ed e' giusto che ognuno faccia la sua scelta. Mi rendo conto: non e' un comportamento corretto". De Laurentiis avrebbe messo nel mirino anche Santon. Nuovo colpo di mercato del Bologna, che ha acquistato a titolo definitivo dal Ferencvaros il centrocampista Nagy. Sara' lui l'erede di Diawara, destinato alla Roma. Intanto Pallotta ufficializza Juan Jesus (2 milioni per il prestito, 8 per il riscatto). Vazquez sta per diventare un nuovo giocatore del Siviglia: al Palermo 15 milioni di euro col 27enne trequartista italo-argentino che si legherà al suo nuovo club con un contratto quinquennale. Gabriel Silva lascia l'Udinese e approda al Granada, mentre Piris si accasa al Monterrey, in Messico. Meret va in prestito alla Spal, Vutov al Lecce, Alexis Zapata al Perugia. Restando in B, l'Entella ha dato Lafuente alla Reggiana mentre la Spal, oltre a Meret, prende Arini dall'Avellino. (AGI)