Bufera su Ibra, "Francia paese di m...". Le Pen, "vada via"

(AGI) - Parigi, 16 mar. - Rischia una pesante squalifica ZlatanIbrahimovic che, dopo la sconfitta del Paris Saint Germaincontro il Bordeaux, si era sfogato in tv definendo la Franciaun "Paese di m....che non merita il Psg" e aggiungendo di nonaver mai visto "un arbitro cosi' scarso". Parole choc che hannoscatenato una bufera sulla stampa e sui social network, in unclima politico gia' surriscaldato dalla campagna elettorale perle amministrative di domenica prossima. La Commissione disciplinare della Lega calcio francese siriunira' giovedi' per esaminare il caso. L'attaccante svedeserischia diverse giornate di stop per

(AGI) - Parigi, 16 mar. - Rischia una pesante squalifica ZlatanIbrahimovic che, dopo la sconfitta del Paris Saint Germaincontro il Bordeaux, si era sfogato in tv definendo la Franciaun "Paese di m....che non merita il Psg" e aggiungendo di nonaver mai visto "un arbitro cosi' scarso". Parole choc che hannoscatenato una bufera sulla stampa e sui social network, in unclima politico gia' surriscaldato dalla campagna elettorale perle amministrative di domenica prossima. La Commissione disciplinare della Lega calcio francese siriunira' giovedi' per esaminare il caso. L'attaccante svedeserischia diverse giornate di stop per cattiva condotta, malgrado- dopo appena due ore - si sia scusato con una dichiarazioneufficiale sul sito del club parigino. "Tengo a precisare che lemie frasi non erano ne' contro la Francia e ne' contro ifrancesi", aveva spiegato. "Ho parlato di calcio, non dialtro". Non tutti, pero', la vedono cosi'. A partire dalla leaderdel Front National, la lanciatissima Marine Le Pen destinata aun exploit nel voto di domenica, che su Twitter ha commentatocosi' lo sfogo di Ibra: "Chi pensa che la Francia sia un 'Paesedi m....' puo' andare via". Lo stesso ministro dello Sport francese, Patrick Kanner,che domenica sera aveva accolto con soddisfazione il mea culpadel giocatore, dopo aver definito il suo sfogo "offensivo",oggi ha precisato che resta "l'errore nei confrontidell'arbitro" e "questo apre la porta a qualsiasi tipo dideriva, specie davanti all'esempio di un personaggioimportante". Sul piede di guerra anche gli arbitri che, in una "letteraaperta agli amanti del calcio", pubblicata sul sito dellaFederazione, hanno puntato il dito contro "l'esplosione d'odioe la violenza verbale" di Ibrahimovic, che gia' avevaprotestato contro l'arbitraggio per l'espulsione durante lapartita di Champions League Chelsea-Psg giocata mercoledi'."Dopo essersela presa con Kuipers mercoledi', Jaffredo domenica(gli arbitri delle due competizioni, ndr)" si e' scagliatocontro "l'intera Francia", protestano gli arbitri. "Niente e'troppo per un ego smisurato", concludono. (AGI) .