Luca Barbarossa: la mia valigia? Una casa viaggiante

Il cantautore si racconta a Castel Romano

luca barbarossa castel romano

Aprendo la valigia di un artista si possono capire tante cose: se l’artista è Luca Barbarossa ci si trova anche un po’ della sua anima. Dopo il grande successo del concerto alla Cavea dell’Auditorium Parco Della Musica, tappa del tour Roma è de tutti, Luca si racconta in modo diverso un sabato pomeriggio (il 21 luglio, ore 18.00) a Castel Romano Designer Outlet.

Lo fa chiacchierando con Antonella Piperno e aprendo il baule di una vita: i vestiti, comodi, casual ma sempre con un tocco di stile. Jeans, pantaloni chino, t-shirt, camicie sportive e giacche destrutturate. Mai dimenticare il costume da bagno, perché il mare per Luca è habitat naturale.  

Il giubbotto di pelle da eterno ragazzo. Scarpe, comodissime sempre. E poi il tennis, la sua grande passione: racchetta e tutto il necessario, perché un avversario si trova ovunque. La musica, si ascolta in viaggio ma si scrive, anche. E allora, in valigia,  cassa per il cellulare (con qualche rimpianto per l’amato giradischi), block notes e matita, quella con la gomma dietro. Il libro che sta sul comodino passa nel bagaglio, in vacanza si legge più che in tournée, ma si cerca di trovare il tempo.

Dal brillante esordio di Roma spogliata (Festival di Sanremo 1981) fino all’album in dialetto Roma è de tutti, tributo d’amore alla sua città, qualche anno è passato, ma Luca si diverte come il primo giorno, anzi, di più: è sempre pieno progetti oltre che in grandissima forma. L’apertura della valigia  inevitabilmente si intreccerà con le tappe della sua lunga e fortunata carriera: quindici album al suo attivo, nove partecipazioni e una vittoria (con Portami a Ballare) al Festival di Sanremo, fino al coraggioso Roma è de tutti, che  lo accompagna in tournée per tutta l’Italia (a Belluno, racconta Luca, tutti hanno intonato Passame er sale). Passando per la brillante conduzione di Radio 2 Social Club, in onda dal 2010, ambitissimo palco live per moltissimi artisti e terreno di fertili collaborazioni musicali.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it